Carl Zeiss Jena Telescope serials. A review

Introduction

Carl Zeiss Jena telescopes are between the most collected and most appreciated from amateur astronomers, also known for their optical excellence. Carl Zeiss Jena (and for some years between the end of WWII to 1990 about also the twin company Carl Zeiss “West”) produced some of the nicest optics like the AS 80/1200, the Telementor, or the APQs. Zeiss items are collected by very high prices all around the world especially in Germany and in the USA. Despite this, there is scarce and widespread information about how to give a date to Zeiss telescopes and accessories, also if each item (most of them) has a progressive serial number, that can help. Many information on Zeiss items and history are conserved in the Zeiss Archive, and many information unfortunately it’s lost or difficult to summarize. This work is a tentative effort to made a summary of the information available at this time, and to start a shared discussion about defining better the knowledge about this matter, that can be useful for people interested in Carl Zeiss Jena history and to Zeiss’s telescope collectors.

Main original sources available: sources for this study have been the following.

  1. Zeiss “Diarium” (Source: Hans Beck – Walter Stephani).
  2. Zeiss “Astro 1” Register (Source: Zeiss Archive)
  3. Zeiss “Astro 2” Register (Source: Zeiss Archive)
  4. Database of Zeiss Existing Telescopes (DaZET), Lenses and Serials (database produced by Myself in the last 8 years, with sources on the web and personal communication with many Zeiss collectors):
    1. 1897-1945 Pre-WWII Objectives
    2. 1897-1945 Pre WWII Telescopes (and Objectives)
    3. 1897-1945 Aussichtfernrohr Starmor Starmobi Asem Asembi (Astro 1)
    4. 1929-1976 Telescopes on Astro 1
    5. 1945-1994 Objectives

Information on sources are summarized in Table1.

Table 1. Sources for Zeiss’s telescope serial number information.

Source

Kind of information

From Serial

To serial

From (date)

To (date)

Nr.

Diarium

Serial of telescope objectives, type of lens, diameter, focal length

26

13.655

1898 ?

1924

 

Astro 2

Serial of telescope objectives, type of lens, diameter, focal lenght

15.001

38.593

8.3.29

1976 ?

 

Astro 1

Serial of Asembi, Asem, Aussichtfernrohr, Telescopes, Prisms, Domes, etc.

11.364

50.392

11.10.29

27.10.76

 

DAZET a. (Pre-WWII Objectives)

Serial numbers of Pre WWII Objectives

606

18503

 

1945

55

DAZET b.

(Pre-WWII Telescopes)

Serial numbers of Pre WWII Telescopes

133

17610

 

1945

93

DAZET c.

(Pre-WWII Aussichtfernrohr)

Serial numbers of Asembi, Starmor-Starmobi

33

13911

(14066)

 

1945

41

DAZET d.

(Post-WWII Aussichtfernrohr and Telescopes)

Serial numbers on Telescopes, Terrestrial Telescopes, Domes, Prisms, etc

(14067)

17339

 

42144

1945

1970 ca.

14

DAZET e.

(Post-WWII Objectives)

Serial numbers on Post-WWII Objectives

(18999)

19017

98130

1945

1995

177

Total

 

 

 

 

 

380

*Number of Entries (as June 2020)

Jena-Oberkochen

It has to be noted that after 1945 there were two Zeiss divided in the America Occupation Area and in the Russia Occupation Area of Germany, then German Federal Republic and DDR. The sources that are considered here are all to be referred to Jena production, after 1945, I have no information about codification used in Zeiss West telescope production but seems quite clear that Astro 1 and Astro 2 register were used in Jena factory (Carl Zeiss Jena) also after 1945. This has to be further investigated. I know very few objectives from Zeiss Oberkochen, and also on these numerical serials are present. I know a Zeiss Apochromat 150/2232, probably made in ‘70s or before, with Serial Number 6147, owned by a friend,  and the 350/4462 of the former Anacapri observatory  (Sky and Telescope, May 1965).  Obiouvsly this numbers are of a different serial that the one of the “main” series of Carl Zeiss Jena, and probably refferring to a Zeiss West separate register (no information about it at the moment).

Fig. 1 – Carl Zeiss (Oberkochen) Apochromat 350/4461 n. 6102 (Source: http://www.fernrohr-service.de/9.html, Wolfgang Grzybowski)
Fig. 2 – Carl Zeiss (Oberkochen) Apochromat 150/2232 n. 6147 (Source: Unitronitalia.it – Gianni Quarra)

All other information in this paper is referred to (DDR) Carl Zeiss Jena or unified Zeiss pre-WWII or post 1989. We can assume, at the moment, that Zeiss Astro Department (unified) ended production of commercial astro-amateur telescopes in late 1995.

Serial on Objectives Dates

The “Diarium”

First direct Zeiss source is a notebook called “Diarium”. Walter Stephani, that is my source for a copy of the “Diarium” under a request of Mr. Hans Beck, in 2016, has recently (2020) made openly available this source to ATS (Antique Telescope Society) List members. Stephani writes that in his files he had a PDF-copy of the Diarium since many years. During a visit to Jena around the year 2000 he met the former head of the Zeiss Astro Department, Hans Beck, who was already retired at that time (by the way, Mr. Beck celebrated his 90th birthday a few weeks ago). When he left, Mr. Beck mentioned that he had some documents that could be interesting and useful, and he gave to Mr. Stephani  a CD. On this CD was the PDF of the Diarium. Some years later Walter Stephani  took the trouble to transfer this long list into an Excel spreadsheet, also to be able to search for different aspects in the list.  Some years ago Hans Beck and Stephani talked about the Diarium and the  Excel version of it. Beck suggested to make the Diarium “Public Domain” after all. Now a copy of the Excel-spreadsheet with all Diarium’s information made by Walter Stephani is published on the ATS (Antique Telescope Society) Forum files, and available for interested people.

Remarks on Diarium (from W. Stephani)

Source:  he don’t know if the original Diarium still exists, nor who owns it, nor who has the rights to it. In his   knowledge it is not in the archive of the Zeiss company. The Zeiss archive has received my copy of the PDF slide and also the  Excel list from him (W. Stephani in letters). Diarium Title: printed title “Diarium” is added with the words “Laufende Objektivnummern” – that means “Sequential lens numbers”. The first 18 pages of the Diarium contain information about the first pieces produced in the Zeiss Astroworkshop, including prisms, (plane?) mirrors, eyepieces and photo objectives. In addition, there is a list of working hours and a Statement of accounts with the Schott glassworks. On p. 7 the first dating “d(en) 6. Juli (18)98″ for ” four planar lenses” is found. The last dating and the end of the more detailed book keeping on p. 18 is May 1900. On the following pages the Diarium is continued as a list. The first column headings are: “Stück/Öffnung/Bildweite/Litt(era)/N(umer)o. Gravi(e)rt-Verkauft/- Pieces/Aperture/Image width/Litt(era)/N(umer)o.  engraved-sold/. The last column later is headed with /No. in stock – sold/. From ca. 4300 on it only lists the numbers and occasional details in case of special features. At the beginning of the list, the numbers of the sold lenses were crossed out. This was abandoned later. On the last three pages the Diarium contains the similar information as at the beginning, they apparently are written by the same writers. The list in the Diarium records the lenses with the numbers 26 – 13655. There is no mention of dating in the list. The list ends with the entry “1924”. So Stephani (and myself as well)  concludes that the Diarium lists all (most?) Zeiss Astro lenses manufactured up to the end of 1923. The PDF obviously lacks a page with the lens numbers 4516-4673. Last note of W. Stephani is about the Excel list: its goal was to be able to search lenses listed in the Diarium easily. To achieve this, he tried to transfer all information readable in the PDF as accurately as possible into an Excel list. As remarks, he have added time stamps and notes on lenses and mirrors known to him, which may facilitate dating.

Diarium description

From page 1 (cover) to page 18, a series of comments on different items, some date, are listed in non -systematic way. From page 19 as described above a systematic list of consecutive serials starting from n. 26. After page 74 a page is lacking, as above signalled, between serial numbers 4516 and 4673. Page 135 in the pdf is equal to page 137. Page 169-170 are equal to 171-172. Last page with list is page 182. At page 183 there is only the entry “1924”, interpreted as a start of year. Pages 184-186 are notes that start with the word “Ausgang”. There is a “jump” in numeration, numbers are lacking from 8098 to 8897. In a paper of Wolfgang Busch[1] there is a summary of engraving styles of Carl Zeiss Jena objectives: “In the early phase of the Jena Astro department, or about 1897 to 1900, there was, in the objective manufacturing still no mandatory standards for the marking on the cell. This is at # 249 still quasi handwritten and even contains the word Apochromat; for Nr.733 and 819 engraved block letters have been used, but no type of designation, and the focal length has not been specified. Both then become later a standard”.       

Fig. 3 – Example of very early Zeiss telescope objective, around 1900 (Source: from the Web)

Fig. 4 a e b – Some of first examples of engraved block lettering on a telescope cell (Source: a-Giuliano Tallone; b- Astromart, Regis Les Cocguen)

Fig. 5 a e b – First examples of Serial Number with designation of Lens Type (in these two cases, a Zeiss “E”). (Source: a-Cloudynights, Dan Schechter; b-Astrotreff, “Vador50-Giuillame/Wilhem)

Fig. 6 a e b – Stabilized graphic standard for Zeiss lens engraving in pre-WWII times, with Zeiss name, Serial Nr., Lens Type and Focal lengh in cm (Source: a- Apm-telescopes.de, Markus Ludes; b- Cloudynights, “Dwight J”)
 
The “Astro 2” Objective Register

Astro 2 is a register composed by 66 pages, on a pdf file provided under formal agreement from Zeiss Archive. The agreement asks not to made other copies of register nor to let someone other to have a copy. First page is a cover; pages 2 is filled with notes (it seems to be the rear cover?). Page 3 starts with the list, that page is not numbered, but the following is numbered “2” so this is possibly the page “1”. Then the pages follows with consecutive numbers (2-26). Page 27 and 28 are lacking, and the following is numbered “29”. On this page a note says “Seiten 27 und 28 fallh aus”. The series of serial is not interrupted (18.304 at end of page 26, 18.305 at start of page 29). So probably these two pages were lacking before list compilation. First serial number on the list is 15.001, dated 08/03/1929.mPage 30 and page 31 as well are scanned two times, one with a paper note and one without so the text can be read fully. Page 35 is scanned two times, one with a part that is different. After the page numbered 44 the next jump to 47, but the serial number series is consecutive (last 20536 first 20537). From page 53 before the column “Auftrags Nr.” a new column “Zeichn Nr.” appears. Page 54 is scanned two times, one with a note, and another without. Last page is the page numbered 64, last serial number is 38.593.

 The last date on the list

Last date on the list is 10.6.1969, on page numbered 61, for serials n. 29.731-29.735. We can try to date following pages using other register Astro 1 (that is dated later, to 1976) as benchmark, considering different information that can be compared (see the next paragraph on Astro 1 for code interpretation). We can use some similarity to found information. On Astro 1 there is a series of three batches of 2.000 Schulfernrohr each: serials 42.565-46564/44.565-46.564/46.565-48.564, dated 27/05/71 the first two and 28/05/71 the third, that have the Aufrag 616 2 2510, 616 2 2513 and 616 2 2516 respectively, that have (all of them) the same “Sach Number” of 16 12 08:003.26. We can observe that these on Astro 1 are dated. Mading a comparaison with Astro 2 allows to found at page 62 the same “triplet” of 2.000 lenses batches, and we found that on two registers these have the same “Order number”, so we can say that are the same, serials are 30.337- 32.336/ 32.337-34.336/ 34.337-36.336 (not dated), that have the Aufrag 616 2 2510, 616 2 2513 and 616 2 2516 respectively; they have (all of them) the same “Sach Number” of 16 12 08:003.26. So also the “Sach Number” is the same, and we can be quite certain that these are the lenses for the order of telescopes that is mentioned above. So also these lenses 30.337-36.336 can be dated in May 1971, as all lenses on Page 62 of Astro 2. Another example is the order n. 616-02-2991 that we can found on “Astro 1”, for 10 Parall. Montierung with serials nr. 50.156-50.165. This order is not dated, but is immediately before another dated 24.10.1975 (and before a long series of items without date, being the previous one available the 14.11.1974 of item numbered 49.552). So we can suppose the order of 10 Parall. Montierung can be made around central month of 1975 (June-September?).

Fig. 7 – Astro 1 Page 53 (Source: Zeiss Archives)

Well, we can find on Astro 2 Register the same order n. 616-02-2991 for 10 Parall. Montierung, but with different serials obviously (38.501-38.519). This two orders on the two different Registers have also the same Such Nr. 16 23 09 : 001-26. So we can infer that these serials on Astro 2 have the same date of previous (so central months of 1975, around). This helps to date the last pages of Astro 2, because this order is on page 63 of Astro 2, where no date can be found.

Fig. 8 – Astro 2, Page 63 (Source: Zeiss Archives)

About this case, it’s unclear to me why this order for mounts is put on both registers, also in Astro 2 that is supposed to be for objectives only. There are other items of this kind in Astro 2, especially in last pages. This mounts so should have two different serial numbers, for reasons that at the moment I can’t understand. Also the writing style and pencil used are very similar, so we can think really that these two entries were made by same person in the same day. A possible confirmation can be a confrontation of some entries in the same page 65 of Astro 2, but earlier, and especially items with Fabrik. Nummer 38.170-38.179, that are 10 AS-Objektiv 150/2250, with Order Number 2805 (and Such. Nr. 16 60 04 : 001-24). They are part of a block of 5 lines with a style of writing and type of pencil different that all other ones.

Fig 9 – Astro 2 Page 65 (Source: Zeiss Archives)

If we look at Astro 1, we can find that at page 51 we can find a similar style of writing in a series of four lines with serials between 49.264 and 49.348. Between the four batches in question, the first is for “10 Coudé – Refraktor”, that all know that uses AS 150/2250 objectives. This order has number 616 02 2804, one before the order on the other register, and is dated 8.8.1974. So we can think that these two entries on the different registers were associated, being the lenses the ones needed for these instruments. This allow to date the lens serials 38.170-38.179 at August 1974, that is coherent with the previous dating of serials 38.510-38.519, in the same page but after in the list, mentioned above.

                   Fig. 10 – Astro 1 page 51 (Source: Zeiss Archives)

In same lines with similar graphics and writing there’s also another possible correspondence, that is the one of Astro 2 lens serials (of 40 AS 100/1000) nr. 38.180-38.219 with Order number 2847 and Astro 2 telescope serials (of 30 Amateurfernrohr 100/1000) nr. 49.314-49.343 with Order number 2841, dated 8.4.1974 as well. In this case similarity is less evident, but in my opinion possible.  A last annotation is that for both these examples the Such Nr. it is not the same (the real significance of these numbers it’s still unclear to me). All these considerations let to think that the last page of Astro 2 is probably of the same dating of the last of Astro 1, around 1975-1976. 

The 40.000 Gap in Objectives list

From information from DAZET, that at moment of writing contains information on about 380 lenses and telescopes, it seems that objective serials with numbers in the range 40.000-49.999 does not exists. A possible hypothesis could be that at the end of use of Astro 2 register, a new register (or database) had been started, jumping to the next round number in tens of thousands, as made in the “Astro 1” register that is mentioned after. This hypothesis is based on the information available at this moment and will change if other evidence about existence of 40k serial lenses will sort out. The very last lens with 30k serial I know is an AS 100/1000 serial n. 38590, that is one of the last batch signed on the Astro 2 register that we can date around 1976 for what I said before. The very first lens with serial after 30k that I know is an AS 200/300 lens with serial n. 50460, that if what written above is correct, could be dated also around 1976 (series re-starting).

Astro 1 Telescope Register

Astro 1 is a register composed by 55 pages in a pdf file provided under formal agreement from Zeiss Archive. The agreement asks not to made other copies of register nor to let someone other to have a copy. First page is a cover; pages 2-4 are filled with notes; page 5 starts with the list, that page is numbered “7”. Then the pages follows with consecutive numbers (7-54) just pages 47 and 48 lacks the corner with number. At the end after page numbered 54 follows two last pages numbered 85 and 86 with a Planetaria list (see after). First serial number on the list is 11364, dated 11.10.1929. List is divided in five columns: “Serial nr.”, ”Number of pieces”, “Description”, a code (“belegh für”), “Date”. Serials, in general, are consecutive numbers. There are some cancellation and some substitution, some notes written on margin, etc… This was a working register in Zeiss factory. Each line of register represents a “batch” of production, with a corresponding internal code (“belegh für”, that means: “Proof of / Evidence of”). Number of pieces is the number of items in the specific batch, and corresponds to the number of serial reserved for the line. Sometimes are only one or few, in some cases a single batch can include 2.000 items (especially after WWII). In the Description column there is the description of telescope or instrument that is made with this serial. “D.F.” in this column probably stays for “DoppelFernrohr” (like the “Asembi” model). Code “belegh für is probably a production internal number, the significance of this is still under study. In second part of the list there are two different codes, “belegh für” becomes “Auftrag” (that means “Order” or “Job”) and another one Is added “Sach nummer” (“Case Number”, “Thing Number” or “Stuff Number”). The meaning of “Sach nummern” one is undetermined at the moment, the other is the “Order code” and can be linked between the two Registers Astro 1 and Astro 2, as noted above. It has to be noted that from page 40 of the Astro 1 Register a new column it has added, called “Sach Number”. The code referring to this column is also present in many (not all) items from ‘50s, added in “Description” column, but from this point is ordered separately. This “Sach Number” significance at the moment it’s unclear for me, but other code, that from the same page 40 is called “Auftrag” and from page 51 “L.A.” (but appear to be the same code of “belegh für” in previous pages) is probably an Order Code, different for each batch. This code after 1949 constantly is formed by three separate numbers:

  • a first code that after 1949 is “616”, with some variation in specific cases (i.e. at serial 17.197 to serial 17.293 corresponding to a 2 m Holspiegel and other big mirrors code is “694”; in this case the number is more complex, 694 9 5151 616 223, maybe they are two codes together, and is repeated for all of them);
  • a second one that after 1949 is normally “1” or“2”; with some variation in specific cases (i.e. at serial 1797 above mentioned is “9”);
  • and a third of four numbers, that is changing for each batch, and that is tendentially increasing (with some variations).

Probably, in general, first number “616” is the number of unit of production (Zeiss Astro Dept?), “1” or “2” are probably sub-units inside the Dept.  ant the third number is the specific number of each order. About the other code “Sach Number” all remains to be understood. I observe that in some case is the same for different batches: as for three big consecutive batches of 2.000 Schulfernrohr with serials 42.565-46564/44.565-46.564/46.565-48.564, dated 27/05/71 the first two and 28/05/71 the third, that have the Aufrag 616 2 2513, 616 2 2513 and 616 2 2516 respectively, that have (all of them) the same “Sach Number” of 16 12 08:003.26. Date probably means the date of start of the production of the specific order (batch); it is not a final date of delivering of the item, that probably is very much variable. If the order is for one single lens the production time is limited, but for orders with 2.000 items or for very large telescopes obviously this can ask months or years. So this is just a general reference on age of the telescope. This system was choosen by Zeiss probably because this allows to have a certain serial number for each item from start of production. It’s interesting that some item has not a serial engraved on itself (like some telescopes or lenses), but if this reasoning is correct they should have in any case an assigned serial number.

Type of item listed

On Astro 1 cover title tells “Astro” with an added nr. “1” and follows with “Fabrikations Nr. fur: Aussichtfernohr, Kamera, Urgan, Spiegel u ___, [a word that is not readable, cancelled], Planetarium (?) Kuppeln”. In the list we can find this kind of material and other like prisms, especially before WWII. After WWII in Astro 1 are listed Schulfernor and Cassegrain-Meniscas telescopes, as well.

Annotations on registry

Astro 1 Telescope Register is introduced by a series of draft notes written on small paper pieces, some of them very interesting to understand better the way in wich Zeiss’s technicians numbered items. On note says “Alle Fabrikationsmummern warden durch L-V gegeben” that means “All manufacturing numbers are given by L-V”. The meaning of this note has to be cleared, as now. Another note is “Fabrikationsnummern fur Starmor, Starmobi und Asiola fortlaufend ab Nr. 1922” that means “Manufacturing numbers for Starmor, Starmobi and Asiola consecutively from no. 1922”. This information is corresponding to the observed numbers on Starmor, Starmobi and Asiola on the Astro 1 list. A third note is “Asem erhalt keine Fabr. Nummer, weil die Nummer von Prismen-Umkehrsatz als Fabr. Nr. gilt” that means about “Asem doesn’t have Fabrication numbers, also if the number on prism is the fabrication number assigned”.  I observed that this rule is valid for all terrestrial instruments that are listed on Astro 1 list, that has not the F.N. on the focuser, as the telescope have, but on the inversion prism. So this number is corresponding to the F.N. of the whole instrument.

The 22.278-35.000 Gap

In Astro 1 after the Serial 22.277 dated 4.2.1959 a double line signs an interruption. List re-start with an annotation “neue # Gruppe”, after wich the list re-start with number 35.001, dated 13.2.1959. It seems to, considering that the dates of the two above mentioned serials are very near, that there is a gap in serials from number 22.278 to number 35.000.

The last date on the list

Astro 1 list terms with serial numbers 50.393-50.395, corresponding to three KFPI3, produced from 3.4.1990. This is a late addition to the list, because the previous entry is dated 27.7.1976, corresponding to serials 50.373-50.392, of a batch of 20 Amateurfernrohr 100/1000. We can use this last date and the previous to date the serials on the other list (Astro 2, Objectives), using a confrontation between writing styles and other elements (see paragraph on Astro 2).

What happened to telescope numeration after “Asto 1”

Altough the series of objective Fabrikationsnummern followed in the years after 1974, and we suppose in chronological order, It’s not very clear what happened in telescope numeration after these numbers. It seems that the rule to made numbers also for OTAS followed, but this is uncertain at this stage. There are some numbered telescopes in the ‘80s, with serials on tubes and  mounts, like one of first APQ 100/1000 Objective n. 96025 associated with mount Nr. 86280, and Nr. 85015 on OTA, sold in 2014 in an auction and then on a famous site. I’m also aware of a PaMont II with serial 97.486. Hard to say if the serial sequence for items like mounts in ‘80s – ’90s  is the same of the one of the objectives.

Fig. 11 – Pa Mont T serial 97486 (Astrotreff, “Asux77”, Erns Christian)

Very interesting is documentation about APQ objective Nr. 98.130, an APQ 100/1000. This seems to be at now the highest Zeiss objective serial number ever. I have access of a copy of Zeiss test report for this lens, that is dated 24/08/1993. This telescope has also a number typed (engraved?) on the tube, that is the same number 98.130. A strange thing it’s that despite this is a very recent APQ, the label is marked “Carl Zeiss Jena” with the old logo (it’s its original lens?).

Fig. 12 – Last Zeiss Telescope? Zeiss APQ 98130 test of August 24, 1993 (Source: a, b, c – Apm-telescopes.de; d- Astromart, Doug Lee)

This lens has been sold on a famous commercial site in 2016. On the same site in 2020 an APQ 100/640 has been sold, with lens serial Nr. 97819, but on the tube the serial Nr. 98207, that so seems to be the absolute number higher in the series of OTAs.  Unfortunately I haven’t for this lens the Zeiss test.

Fig 13 – Lens Nr. 97819. Look at writing type, very different from previous (Source: a and b- Astromart, Markus Ludes; c- Apm-telescopes.de, Markus Ludes)

A third one, has the objective n. 97109 and the number on serial 98159.

Fig. 14 – Lens Nr. 97109, tube serial 98159 (Source: a and b- Ebay.de, “albireo74”; c- Apm-telescopes.de, Markus Ludes)

A possible consideration about this is that can lead to two hypothesis:

  1. Zeiss used to match a lens number with the same number on the OTA, but in some moment in time objective has been exchanged with another one (in the case of 97819 lens and 98207 tube and 97209 lens and 98159 tube it doesn’t match);
  2. Zeiss do not used to match objective and OTA if not sometimes, and so all the above telescopes are in the original configuration as sort by Zeiss factory (and there are two different lists for tubes and lenses?).

Some other cases has to be verified before to make a conclusion on this. I put on a table the APQ lens serials for those that have a known test report (just 12 objectives). It seems to be no correlation between the date of report and the serial number. It’s interesting that the second earlier (96996) and the last (98130) have about the same date for test report. What does it mean? That all APQs were produced in a single batch and sold in the following years? Note tat the latest seems to be dated 2003, and many are after late 1995, when it is known that Zeiss Astro Department closed.

Table 2 – Serials and Test Report dating of Zeiss APQs.

Serial Number

Data Zeiss test report

96112

01/06/1994

96996

29/09/1993

97003

08/12/1993

97008

06/08/1993

97039

15/09/1995

97118

01/06/1994

97422

26/10/1993

97584

16/03/1998

97693

04/11/2002

97695

23/09/1998

97814

13/05/2003

97819

09/12/1996

97865

27/11/2003

98130

24/08/1993

So some final consideration about the Zeiss test report dating. A test report can be made if a lens is already existing, obviously, so the test report can be the witness that at that date the objective was existing. Thus,  I can say that the lens Nr. 98130 above mentioned was made certainly before 24 August 1993.  But they are lenses with a lower serial number, like the 97695, that (if – assumption – lens serial are consecutive) has to be made also before 14 August 1993: but its serial report is dated 23.09.1998. So 1993 is before 1998, but long before…

Fig. 15 – Lens report for Ob. Nr. 97695, dated 1998 (Source: Unitronitalia.it, Gianni Quarra)

What I can think is that:

  1. Test reports were made by Zeiss at the moment of sale of lens, and not at the moment of production; OR
  2. Serial numbers are not ordered consecutively in time.

At the moment I’m more of the opinion that hypothesis 1) is correct, but probably more information is needed. Another very interesting observation is that in my database between Nr. 96996 to Nr. 98130 there are no other kind of objectives, APQs only (32 of them I know)! The only exception to this rule is the above mentioned PaMont n. 97486 (but I can’t be certain that the numeration is the same, or if another list of items different from objectives does exist).  So this can lead to the (working) conclusion that all serial from Nr. 96996 to Nr. 98130 are used for APQ lenses? It could mean that the total of APQ produced could be around 1.134.  This figure is a bit higher than the estimate that some expert published on an American forum. But has to be noted that some APQ has been produced long before, it has written in the past on Achromat.de that an APQ with serial n. 79.315 does exist (maybe the very first series of APQ 100/1000 in 1986?), and I have other entries for APQs between serial Nr. 95973 and Nr. 96112. Between Nr. 96112 and Nr. 96996 other kind of lenses (i.e. AS) are present. If after Nr. 96996 I found all on 32 lenses as APQ by chance, I’m lucky! But it can’t be excluded.

The Planetaria list

At the end of the Astro 1 Register there is a list of serials used for Planetaria, from serial n. 55 (Year 1949) to serial n. 388 (Year 1990).

Summary: Series of serials

Using the above mentioned information, we can distinguish the following separate continuous series of serial numbers in Zeiss telescopes, related to the available original information:

  • Serials of Objectives
    • Lacking period: 1897-1899 ? (Serials 1-25)
    • Reference source: Diarium. Period covered: 1897 ? – 1923 ? (Serials 26-13.655);
    • Lacking period: 1924-1929 (Serials 13.656-15.000); (information on single telescopes from DAZET A.
    • Reference source: Astro 2 Register. Period covered: 1929-1974 ca. (Serials 001-38.593)
    • Lacking period: 1975-1995 (Serials 38.594-98.130 or higher). Information on single telescope from DAZET E.
  • Serial of Telescopes, Terrestrial telescopes, accessories, etc…
    • Lacking period: 1897 (or before)- 1929 (Serials 1-11.362)
    • Reference Source: Astro 1. Period covered: 1929-1976 ca. (Serials 11.363-50.392)
    • Lacking period: 1976-1995
  • Other serial series:
    • Asembi after WWII (from ‘70s) apparently follow a different serial numeration (probably the binocular series, with six-entries serials).

Picture credits: information in the reference archive used for this paper are a collection of the cited sources and many widespread others on the web. Main source of data and pictures are www.astromart.com, www.cloudynights.com and www.apm-telescopes.de (both online edition and archived copies in www.archive.org), of Markus Ludes, that is the main seller of old Zeiss telescopes in the world. Copies of old Zeiss registrers are used under permission of Zeiss Archive. I thank Walter Stephani and Dan Schechter for text revision and many Zeiss passionate collectors for exchange of ideas during time, especially Bob Trotter of Western Australia.

[1] Busch W., Zur Entwicklung der Fernorohrapochromate im Zeisswerk. Paulys zweilinsiger Apochromat “A” – Anfang und Ende. Jenaer Jahrbuch zur Technik – und Industriegeschichte Band 17 (2014), S. 125-139.

Sky-Watcher 150 F/5 e Geoptik 100 F/10: così simili, così diversi

Questo è il giudizio che ho tratto, esaminando i due rifrattori oggetto di questo articolo di così differente lunghezza focale, la mia di conseguenza non potrà essere una prova comparativa ma solo un’analisi delle differenti prestazioni ottenibili dai due strumenti.
Il primo telescopio è una novità del mercato (anno 2005), l’azienda veneta Geoptik che li commercializza ha messo, infatti, a mia disposizione e in anteprima, il prototipo di un interessante rifrattore acromatico di 100 mm.
Il secondo strumento invece è il noto rifrattore di 150 mm, prodotto dalla Sky-Watcher, un modello in grado di rappresentare al meglio l’odierno settore dei rifrattori a corta focale.

Nota dell’autore, questo articolo fu scritto nell’anno 2005, per questo motivo possono essere state modificate le caratteristiche tecniche dei prodotti ivi citati.

Il doppietto acromatico

In un telescopio rifrazione dotato di un’unica lente, è ben noto che per il fenomeno della dispersione, il punto di messa a fuoco varia al variare della lunghezza d’onda: al crescere di questa, il fuoco si allontana dalla lente. Si può parzialmente ovviare a questo inconveniente, lavorando con sistemi di lunghezza focale molto elevate in relazione al diametro, ad esempio 1800 mm per un obiettivo di 100 mm. Adottando un doppietto acromatico, però la situazione migliora sensibilmente.

Questo sistema ottico è composto da due lenti di vetro con differente composizione e quindi caratterizzate da un diverso indice di rifrazione. Di solito la lente frontale è convergente, di tipo Crown e composta di silice, ossido di calcio e di potassio, mentre la lente interna divergente è in vetro Flint, contenente anche ossido di piombo. Il funzionamento è molto semplice, almeno in linea di principio: le due lenti, caratterizzate da dispersioni diverse, se opportunamente lavorate, operano nel senso di neutralizzare ciascuna l’aberrazione cromatica dell’altra. In genere, il disegno delle due lenti per un buon rifrattore per l’osservazione visuale è tale da portare allo stesso fuoco le righe H-alpha e H-beta dell’idrogeno, rispettivamente a 656 nm e a 486 nm, purtroppo ciò non garantisce che anche le altre lunghezze d’onda vadano a cadere tutte nel medesimo punto.
L’aberrazione residua che ne consegue si definisce “spettro secondario” e la sua entità e ben inferiore a quella che si registra con la lente singola. La lunghezza focale ideale per ridurre al minimo lo spettro secondario si può anche calcolare  matematicamente: posso confermare che è un obiettivo acromatico di 100 mm dovrebbe essere aperto almeno a F/ 11,1 un 150 mm a F/17 e così via. E’ tuttavia pleonastico ricordare che le prestazioni di un rifrattore acromatico dipendono non solo della sua lunghezza focale, ma anche, e propriamente, dalla qualità ottica del doppietto che lo compone e da altri innumerevoli fattori secondari, quali l’intubazione, il posizionamento ottimale di diaframmi, il trattamento anti -riflesso etc., etc.. Per questo motivo, un rifrattore F/10 ma lavorato male, può presentare uno spettro secondario di entità maggiore di quello di un buon obiettivo aperto F/8.

 

 

 

Geoptik 100

Avendo avuto per le mani il prototipo (anno 2005) di quello che sarà il modello finale del Geoptik 100, alcune caratteristiche potrebbero variare, soprattutto per ciò che riguarda le finiture esterne, per esempio il colore rosso Ferrari dello scafo ottico, compreso il paraluce. Il focheggiatore Crayford, nero e dorato, di due pollici è apprezzato per la dolcezza e la precisione. La sua estrazione è di 63 mm, dotato di raccordo svitabile per oculari di 31,8 mm, dà un tocco di eleganza a tutta all’intubazione con quel contrasto visivo così piacevole.
Lo spostamento del tubo di alluminio avviene tramite scorrimento: Quindi, quando il peso è eccessivo, ad esempio per l’utilizzo di accessori molto pesanti, è necessario serrare con forza la vite di bloccaggio, onde evitare pericolosi spostamenti. Il tubo ottico senza diagonale è lungo 98 cm, compreso il paraluce. La parte interna e opacizzata è dotata di tre diaframmi dal bordo tagliente: un anello di rinforzo situato nei pressi del focheggiatore è utile sia per irrobustire lo scafo ottico con la parte finale, sia per dare alloggio al generoso “supporto cercatore” di 50 mm di diametro. La messa a fuoco del cercatore avviene tramite l’estrazione del oculare: un sistema di blocco elimina il rischio di una caduta rovinosa di quest’ultimo. L’unica nota negativa… il crocicchio molto sottile che può essere utile nell’osservazione di stelle e galassie ma svanisce quando si prova a puntare oggetti molto luminosi, come Giove.

Geoptik 100
Un primo piano sul rifrattore acromatico Geoptik 100

Il cuore del sistema è un classico doppietto di Fraunhofer spaziato in aria con tre spessori, poco  intrusivi, posti a 120 °. l’ottica, a una semplice analisi visiva, mi è parsa perfetta, senza striature, bolle e anelli di Newton. Pregevole anche il trattamento antiriflesso multistrato. Il costruttore ha confermato che la cella è collimabile attraverso il sistema push pull.
Lo spettro secondario, durante l’osservazione lunare, mi è parso contenuto, di poco inferiore a quello di un rifrattore semi apocromatico, testato mesi fa indice che anche doppietti acromatici a lunga focale possono donare delle belle immagini , tuttavia la colorazione della superficie lunare tende al giallo, ciò potrebbe essere dovuto al trattamento della lente Flint. Questa è una caratteristica molto comune negli obiettivi prodotti nell’Europa dell’Est, come ad esempio il russo TAL 100RS (Infatti mi pare sia stato utilizzata proprio questo doppietto n.d.a.)

Un particolare sul cercatore da due pollici

Per apprezzare al meglio i dettagli lunari, il miglior compromesso tra luminosità, contrasto  e contenimento della turbolenza l’ho avuto a 200 ingrandimenti, mentre nelle rare serate vellutate che il mese di Maggio mi ha concesso mi sono spinto fino a 300 ingrandimenti. Anche le prestazioni sui pianeti sono state soddisfacenti: Saturno, purtroppo prossimo  a svanire nella foschia dell’orizzonte Ovest, ha mostrato solo la divisione di Cassini e l’ombreggiatura ai poli . Del resto, non si poteva pretendere molto di più, vista la basta altezza. meglio puntare Giove, dove, nelle serate dall’ottimo seeing, è stato possibile percepire alcune strutture all’interno delle bande temperate equatoriali, per esempio un paio di evidenti ovali bianchi, nonché la Grande Macchia Rossa. Ho trovato non male in questo genere d’osservazioni, l’accoppiata lente di barlow 2X con oculare ortoscopico di 12 mm per poi preferire, nelle serate dal seeing  mediocre, l’utilizzo di un oculare ortoscopico di 9 mm. Devo però rilevare che il mio esemplare di Geoptik 100, ha mostrato un residuo di spettro verde nella posizione intrafocale e una notevole dispersione cromatica tra gli anelli di diffrazione nella posizione extrafocale. Le osservazioni degli oggetti del cielo profondo a questi diametri e a questa lunghezza focale non possono ovviamente essere molto soddisfacenti, tuttavia, la buona puntiformità delle immagini e il discreto potere risolutivo hanno permesso di risolvere alcuni ammassi stellari. Sempre molto piacevole osservare le stelle doppie con uno strumento a rifrazione anche se nelle coppie molto sbilanciate e in quelle molto luminose, lo spettro secondario rovina l’estetica della visione.
In sintesi il Geoptik 100 è un buon telescopio con una particolare vocazione per l’osservazione degli oggetti del sistema solare
.
Sky-Watcher 150 F/5

Lo Sky-Watcher 150 F/5 pronto per le osservazioni
Lo Sky-Watcher 150 F/5 pronto per le osservazioni

Si tratta di un rifrattore di corta focale ma di grande diametro , aperto a F/5. L’ottica è composta da un doppietto acromatico spaziato in aria che è parso privo di di striature e bolle. Il trattamento antiriflesso è uniforme mentre la cella che ospita il Finte e il Crown, spaziati da tre piccoli spessori, non è collimabile a differenza della versione con 1200 mm di focale. Questo strumento si fa apprezzare per l’estrema compattezza, soprattutto senza paraluce. L’ho utilizzato solamente con una vecchia montatura Vixen GP modificate in altazimutale per la ricerca e l’osservazione delle comete, campo d’ elezione per uno strumento del genere.
E’ dotato di un focheggiatore da 50,8 mm, si presta in modo ottimale all’uso di oculari a grande campo ^che forniscono campi di vista reali prossi a 3 °, 5°, maggiori, quindi, dei campi inquadrati dai binocoli di 100 mm di diametro. Di notevole interesse la filettatura di serie M 42 x 1 per la macchina fotografica, che è compresa nel riduttore per gli oculari di 31,8 mm. Il focheggiatore è nella media di quelli in dotazione sui telescopi della stessa marca, se si eccettuano le versioni : quindi non è molto scorrevole a causa del pessimo grasso che viene utilizzato nella fase di assemblaggio dei componenti. Vi si rimedia facilmente rimuovendo il  tutto e lubrificando con un grasso più scorrevole. M;olto luminoso e di buona fattura il cercatore di 50 mm fornito di serie, con la regolazione affidata a due viti e un comodissimo e preciso sistema a molla.

Lo Sky-Watcher 150 F/5

Osservando in uno strumento di tale lunghezza focale è ovvio aspettarci un notevole residuo cromatico e molta aberrazione sferica. Tuttavia, è possibile utilizzarlo con soddisfazione a patto di non esagerare con ingrandimenti. Nella visione di ammassi Stellari e di ampi scorci della Via Lattea, meglio se a bassi ingrandimenti, è impareggiabile: le stelle sono puntiformi, tranne quelle più luminose  che presentano evidenti segni di astigmatismo; la curvatura di campo puo’ essere presente, ma dipende dallo schema ottico degli oculari utilizzati.
Lo spettro secondario rovina un poco la visione soltanto in presenza di stelle più brillanti della terza magnitudine. ovviamente, il vantaggio dell’ampio diametro dell’obiettivo è in qualche misura sprecato se si utilizzano oculari che forniscono una pupilla d’uscita superiore a quella dei nostri occhi. Per esempio, con un oculare di 30 mm si ottiene la pupilla di uscita pari a 6 mm 750 / 30 = 25 ingrandimenti 150 / 25 = 6 mm  che è eccessiva se osserviamo dai siti inquinati. In questo casi le nostre pupille non raggiungono la massima dilatazione e quindi non intercettano tutta la luce raccolta dal telescopio di fatto a parità di ingrandimento, un binocolo 25×100, con una pupilla d’uscita di soli 4 mm nelle stesse serate osservative ha mostarto galassie e ammassi stellari piu’ facilmente, seppure con un campo reale inferiore. Sotto un cielo terso di alta montagna, invece, è possibile sfruttare con profitto anche oculari da 30- 25 mm, esibendo un’ immagine molto luminosa in un campo realmente ampio che non ci farà rimpiangere il classico Newton di 200 mm. aperto a F/4. Per inciso, lo Skywater 150 installato su una montatura altazimutale è il non plus ultra della comodità.

Il fuocheggiatore è  senza demoltiplica, tuttavia, mi è parso funzionale per le mere osservazioni visuali
Il fuocheggiatore è senza demoltiplica, tuttavia, mi è parso funzionale per le mere osservazioni visuali

Nota dell’autore. Nel 2020, dopo 15 anni dalla stesura di questo articolo, sono disponibili decine di oculari ultra – grandangolari che potrebbero ovviare al problema della pupilla d’uscita. Ergo: più’ ingrandimenti, ma un campo reale ampio, simile a quello fornito dai classici binocoli. Grazie anche alle nuove torrette a specchi (tipo Tecnosky Horizon, per intedere) sarà anche possibile sfruttare rifrattori cosi’ aperti a bassissimi ingrandimenti, trasformando un telescopio da 150 mm in un binocolo da 100-110 mm di diametro.

Nell’osservazione della Luna e dei Pianeti non ho preferito diaframmare il telescopio per non perdere il potere risolutivo concesso dal grande diametro di sei pollici.
Mi sono quindi avvalso di filtri specifici (frange Killer, fra tutti) per diminuire la percezione dell’aberrazione cromatica.
Posso confermare  che lo Sky-Watcher 150 mm F/5, mi ha permesso  di osservare quasi tutti i dettagli presenti sulle tavole dell’Atlas of the Moon di Antonin Rukl. Saturno, invece, ha sempre svelato la Divisione di Cassini e Giove la Grande Macchia Rossa e qualche ovale.
La qualità della visione migliora lievemente diaframmando l’obiettivo a circa 11 cm, un’operazione che si effettua togliendo il tappo presente sul coperchio in plastica che protegge l’obiettivo.

Il tappo sul coperchio dell'obiettivo, consente di portare l'apertura  a 11 cm
Il tappo sul coperchio dell’obiettivo, consente di portare l’apertura a 11 cm

Ovviamente con uno strumento del genere, non sarà possibile fare stime dei colori delle bande atmosferiche del Gigante Gassoso, in quanto i colori risultano falsati da residuo cromatico.
Qualora non si esageri troppo con gli ingrandimenti, pur non essendo lo strumento specifico per questo genere di osservazioni, devo ammettere che non delude anche se il suo utilizzo prediletto è l’osservazione degli oggetti del cielo profondo.

 

Cinque 4″ Refractor shootout. Un’approfondita e meditata comparativa

Vincenzo Rizza, dello Staff tecnico di www.astrotest.it ci trasporta con maestria e esperienza in una comparativa sul campo tra cinque rifrattori da quattro pollici. Li ha avuti, accarezzati, amati e ci ha osservato per anni ed ora ha finalmente deciso di divulgare la sua esperienza in questo articolo molto interessante.

“E’ questo il vero strumento di studio per quegli astrofili che intendono di applicarsi seriamente all’esplorazione del Cielo, penetrando nelle più recondite plaghe, scrutando i più remoti sistemi, ammirando le più splendide meraviglie, inquantochè un cannocchiale dell’apertura di 108 mm, munito di oculari finoa a 250 ed anche 280 ingrandimenti, permette di osservare tutto quanto di più interessante offre  il Firmamento, di verificare de visu, quasi tutte le scoperte dell’astronomia moderna, di spaziare, insomma, largamente si nel campo siderale che ne planetario…” (C. Flammarion “Le Stelle e le curiosità del cielo” 1904)

Basterebbe questa citazione per comprendere perché il rifrattore da 4 pollici è così importante e riceve da sempre ampi consensi!

Non approfondirò di Beer e Madler e il loro Merz da 95 mm e nemmeno di Sue French  e il suo AstroPhisics105 o John Mallas con il PolarexUnitron102 e Sthephen J. O’Meara col TV Genesis 100, non voglio farlo perché sarebbe un elenco ingiusto verso tanti altri (più o meno famosi) che hanno saputo trarre grande vantaggio dal rifrattore da 4” e poi, per re-invitarvi  a farlo da soli …

Così come mi limiterò alla  citazione di fascinose evocative aziende come:Clarck, Merz, Fraunhofer, Bardoux, Secretan, Steinheil, Jaegers, PolarexUnitron, La Filotecnica Salmoiraghi, Brandt, D&G, Goto, Takahashi, Astrophisics, Nikon, Carton, Pentax, Astro Royal, Vixen… e tante altri, più o meno note e che hanno saputo, chi più, chi meno, dare un significativo contributo alle ottiche rifrattive dai 3 ai 6 pollici.

 Citazione a parte, lassù nell’Olimpo, (un pò come Jimi Hendrix tra i chitarristi elettrici) la Zeiss Jena, (quella Vera) unica, inarrivabile sotto il profilo del tritticco: storicità-capacità innovativa-standard qualitativo.

Questa doverosa e lunga premessa per introdurre, dal lontano 1974, il mio amore per la storia della Astronomia “romantica”,  i rifrattori in generale ed i rifrattori da 4 pollici in particolare. Ognuno di noi, poi, ha delle preferenze e tali, non sempre devono essere giustificate e/o supportate dalla tecnica e dalla teoria e quindi, spudoratamente, confesso che il mio cuore batte esclusivamente per l’osservazione visuale e soprattutto per i doppietti classici e possibilmente lunghi…

Da-sinistra: United Optics, TAL, Vixen, Takahashi, Polarex - Unitron
Da-sinistra: United Optics, TAL, Vixen, Takahashi, Polarex – Unitron

Di questo amore e per conto della mia Associazione, ho creato un evento divenuto iconico tra gli appassionati: la NLT, acronimo di Notte dei Lunghi Tubi, nella quale ci si diverte con un pizzico di spirito goliardico e ironico, testando appunto gli amati rifrattori.

La storica locandina della NLT con la cornice della meravigliosa Abbazia Mirasole
La storica locandina della NLT con la cornice della meravigliosa Abbazia Mirasole

Non faccio ricerca, non riduco dati, non faccio osservazioni sistematiche, così come non sono un collezionista e non compro telescopi solo per testarli. La mia declinazione di fare Astronomia strumentale è tuttavia, lo ammetto, un insieme superficiale di tutto questo ed ha sempre un approccio classico-romantico.  Ho posseduto e possiedo molti rifrattori, più di quanto me ne servano e qualche anno fa, ho posseduto per diversi anni, cinque rifrattori da 4 pollici contemporaneamente. Non chiedetemi il motivo, leggetelo sopra, semplicemente, sono arrivati…

  • Il Vixen 102/1000 è stato un benchmark per due decenni almeno, nella mia carriera ne ho posseduti credo quattro o cinque,  lo standard qualitativo, altalenante, ma sempre da buono a eccellente (soprattutto i primi esemplari con doppietto Carton e con cella collimabile). Intubamento essenziale e funzionale, buon annerimento interno, ma migliorabile, focheggiatore da 31,8 mm discreto ma pure migliorabile
Il mitico Vixen 102
Il mitico Vixen 102

 

 

  • Il Tal 100/1000 della NPZ Novosibirsk, nella sua prima versione la R, è uno dei migliori 4 pollici che ben conosco ed è il rifrattore che più di tutti (con il Takahashi) possiede una spiccata “personalità”. Il rifrattore, ha un intubamento molto solido e spartano, focheggiatore da 31,8 mm davvero imbarazzante e con una corsa di appena tre centimetri, diaframmatura e annerimento interno del tubo appena sufficiente. Gli cambiai inevitabilmente il focheggiatore corredandolo di un Crayford micrometrico da 2 “e gli dovetti rifare i diaframmi e l’annerimento interno. Del Tal, ho posseduto anche la versione “luxury” RS, con intubamento migliorato (a parte il paraluce lucido in plastica) e ottiche dal trattamento verdino, ma, subito venduto poiché non performante come il primo.

    Il TAL 100 RS è il primo da sinistra
    Il TAL 100 RS è il primo da sinistra

     

 

  • L’United Optik by Kung Ming c 102/1100, dalla brandizazzione multipla, è una copia moderna del Vixen, con un doppietto di alta qualità, multi – trattato e una intubazione tanto fashion ed efficiente, quanto anonima. Dotato di paraluce retrattile, focheggiatore Crayford micrometrico da 2”funzionale, molto buona la diaframmatura e annerimento interno- Recentemente l’azienda ha lanciato lo splendido “cugino” 102/1100 con ottiche ED e di cui si parla molto bene

 

  • Il Polarex Unitron 102/1500, altro benchmark che fa impazzire gli americani. Qualità ottica altalenante, da buono (difficile stabilire il fornitore delle ottiche, ma solitamente sono quelle dal trattamento verdino) a eccellente (anche qui, i primi esemplari degli anni 50/primi 60 e caratterizzati dalla assenza di trattamento antiriflesso e/o tenue azzurro-violetto, forniti dalla Nihon Seiko, il mio è tra questi)
L'affascinante Polarex Unitron 102/1500
L’affascinante Polarex Unitron 102/1500

 

  • Il Takahashi FS 102/800 nella rara versione NSV dal tubo accorciato per visioni con torrette binoculari senza correttori di tiraggio, focheggiatore da 2”, trattamenti migliorati e paraluce retrattile, è un altro benchmark ancora. Preferisco il più tradizionale tubo precedente, ma il doppietto Fraunhofer alla fluorite minerale fornito dalla Optron by Canon, è lo stesso ed è ottimizzato per l’osservazione visuale. L’FS 102, resta a mio parere il migliore APO visuale da 4”mai prodotto, industrialmente, incluso i precedenti FC in versione Steinheil (per ammissione della medesima azienda e buona pace di chi, ostinatamente e per convenienza, sostiene più o meno autorevolmente il contrario) e i più recenti TSA e FC nella varie versioni. Negli anni, ho avuto modo di confrontarlo (nella versione precedente) anche con: Pentax SDF 105/703, AP Traveler 105 e persino col raro e costosissimo doppietto Pentax a F 9,5 e tanti altri meno blasonati, uscendone sempre vincente sotto il profilo del contrasto, secchezza, lucidità delle immagini e sopportabilità agli alti ingrandimenti. Il solo rifrattore che, storicamente gli contende il primato e di cui posso dire per esperienza diretta, è il Vixen 102 Fluorite a F9 (stessa ottica Optron, ma in versione Steiheil e che probabilmente compensa con la focale un pelino più lunga, l’apposizione dell’elemento alla fluorite posteriormente). Un FS 102 a F10/12/15 è il mio sogno proibito
Il Takahashi NSV 102
Il Takahashi NSV 102

Per anni, ho spremuto i cinque guys appena citati, anche in contemporanea (vivo in una villetta a schiera è ho la fortuna di avere spazio per buona pace della comprensiva ed amabile consorte) e queste le mie conferme-conclusioni:

  • I rifrattori di buona qualità ottico/meccanica da 4 pollici sono “MAGICI” danno ampie soddisfazioni sia in ambito planetario (i soliti 3 pianeti) lunare, solare e cielo profondo (dove la cosa più importate è avere un cielo davvero molto, molto buio)
Cosa dite? Sono un maniaco dei quattro pollici?
Cosa dite? Sono un maniaco dei quattro pollici?
  • Allo star test, (fatto soprattutto in luce policromatica, ovvero senza filtri e con tutti i limiti soggettivi e qualitativi e la severità del test specifico) e al reticolo di ronchi, effettuato con e senza diagonale prismatico(che come noto essendo sovra corretto per natura, può essere più vantaggioso, su alcuni rifrattori vs uno specchio) e/o diagonali a specchio, soprattutto con stelle arancio-rosse come Capella, Betelgeuse, ma anche di ben altro colore come Vega, Altair, e la Polare stessa (confesso che ci perdevo ore ed ore di osservazioni e di consultazione del “Suiter”)ebbene, a tale test, tutti i rifrattori manifestavano la vocazione per il visuale comportandosi meglio con le stelle giallognole e rossastre. Il Tal e il Takahashi, dimostravano sulle stelle di questa classe spettrale, più familiarità, traducibile in maggiore contenimento della devianza cromatica residua (davvero tenuissima nel Giapponese) e assenza della diafana “nebbiolina sfocata” quando si focalizza la stella se di prima magnitudine. Questo imputabile alla correzione policromatica del giapponese e probabilmente CDE per il russo. Tutti i rifrattori evidenziavano una correzione da ottima a eccellente, per l’aberrazione più insidiosa per un rifrattore, ovvero, la sferica. La palma in ordine va a: Tal,Takahashi, Polarex, Vixen, U.O. Il Tal, corredato di filtro giallo verde, per ridurre a zero la lettura falsificata dovuta al residuo cromatico, aveva anche ad ingrandimenti elevati (250X) immagini intra -focali ed extra -focali assolutamente  virtualmente identiche anelli perfettamente interpretabili e con impercettibile luce diffusa tra loro e una lucidatura (forse) un pelino superiore agli altri credo al pari del Takahashi. il Takahashi, forniva immagini di diffrazione bellissime e “naturalissime” bianchissime, il residuo cromatico, davvero  appena percettibile sfocando, il disco di Airy, secco ed inciso.
    Per la approfondita lettura del test, il Takahashi, non necessitava di filtro alcuno, un soffio di sovra correzione(traducibile in immagini in extra  – focale leggermente meno secche e incise che in intra -focale e secondo alcuni autori, voluta ed auspicabile) era visibile ad ingrandimenti elevati, il nero tra i dischi della stella era percettibilmente più scuro che negli altri rifrattori, contenutissima la luce diffusa, nessun segno di astigmatismo. Il Vixen sembrava avere immagini più luminose del Tal e un pelo di cromatica secondaria superiore oltre un accenno  a 250x di sovra – correzione, idem l’UO con immagini (forse) ancora più luminose del Vixen, per il resto sembravano due rifrattori identici. Il Polarex aveva il controllo della cromatica secondaria inevitabilmente superiore a tutti gli acromatici più corti e solo ai medesimi massimi ingrandimenti utili per la lettura approfondita del test (250x) esibiva l’accenno di sovra – correzione credo quantificabile al Takahashi, ma non ne sono sicuro. Inoltre, la stella sfocata appariva sempre più stabile e dal profilo più marcato. Nessuna traccia di rugosità per tutti i rifrattori e da notare uno spot centrale nella macchia di diffrazione nel Vixen (peraltro tipico e riscontrato sempre in questo rifrattore ed anche diversi altri). Tutti i rifrattori avevano una focalizzazione  perfetta, un pelo più tollerante nel Polarex (imputabilmente alla focale più lunga) la stellina a fuoco assumeva la tipica adimensionalità che solo le buone lenti sanno restituire. Tutti, avevano un elevato controllo delle aberrazioni geometriche (nella coma, il Polarex, era il migliore) e praticamente assente l’astigmatismo, solo, nello U.O. l’ovalizzazione del disco di Airy, non era perfettamente circolare già dai 150 X, come negli altri tubi. Il Polarex infine, sembrava si acclimatasse più velocemente di tutti i fratelli, all’opposto, il Takahashi, necessitava di maggiore tempo, solitamente 15/30 minuti ma talvolta anche di più.
Da sinistra: Polarex Unitron, Takahashi, Vixen, TAL, United Optics
Da sinistra: Polarex Unitron, Takahashi, Vixen, TAL, United Optics

 

  • Le immagini più “belle” le fornivano in ordine: Takahashi-Polarex, Tal, U.O., Vixen. Il Polarex, in assoluto e sempre, offriva immagini stabili-serene-consolatorie-fedeli-rassicuranti, nel cielo profondo era probabilmente quello che preferivo, sebbene il Takahashi, nella sua gelida perfezione, fosse “obiettivamente” migliore. Corredato del focheggiatore da 2,7” AstroPhisichs prima e 2” Crayford dopo (l’AP è andato ad San Giorgio Morais 190) le spazzolate della vita Lattea in estate con il Plossl Meade prima serie da 56 mm di focale, dal Kellner 42mm SW e dal vecchio UniversityOpticsErfle 32mm le immagini offerte dal Polarex erano “mistiche”.  La visione di M42 era meno “lucida” e trasparente del Takahashi, con oculari dallo schema multi – lente, ma si eguagliava e anzi diveniva stranamente più godibile con l’utilizzo di ottimi oculari dallo schema semplice come i Konig, gli Erfle e persino i Kellner. Aggiungo che anche economici Plossl simmetrici, sembravano meglio dei più sofisticati costosi asimmetrici quintupletti . Per M42 e la sua complessa e vasta area, il cielo davvero buio della Valsassina e la pulizia delle lenti ben lucidate anche di solo 4” di apertura, sono un connubio ineguagliabile anche per strumenti a specchio ben più grossi. La totale assenza di coma contribuisce a rendere, contrariamente alla opinione di molti, questi rifrattori a lungo fuoco eccellenti strumenti per il cielo profondo. Là dove il Takahashi primeggiava (le nebulose diffuse e una manciata di galassie) e il Polarex doveva lavorare con gli oculari per tentare di, eguagliarlo, il medesimo si prendeva la rivincita rendendo il confronto difficile con le nebulose planetarie (M1 ed M57 in primis) e fornendo immagini spiccatamente più godibili con la maggioranza delle stelle doppie e in virtù della restituzione di immagini sempre più ferme e stabili e di facile lettura.

    L’eccezione era data dalle suggestive doppie dalla bilanciatura cromatica lontana e allora ecco ancora il Takahashi primeggiare. La sequenza polare e gli ammassi globulari, sono un ottimo test per verificare la trasparenza delle lenti, sempre naturalmente a parità di treno ottico posteriore. Difficile in questo campo, decretare il vincitore, la trasparenza assoluta della fluorite e il moderno trattamento antiriflesso, vinceva facendo vedere stelline più deboli e andando maggiormente in profondità a parità appunto di schema oculare (TV ultrawide, Plossl assimetrici e persino certi Ortho). Poi, senza fretta, con meditata riflessione (anzi rifrazione) ecco che arrivava il fastidioso Polarex che eguagliava le performance del blasonato giapponese grazie all’utilizzo di umili oculari di schema Kellner. Tutti gli altri rifrattori, sulla categoria di oggetti sopracitati si eguagliavano al punto di fare fatica a distinguerli. Unica nota degna da riferire, la maggiore nerezza di fondo cielo del Tal e la maggiore luminosità, dell’UO.

    La famosa tabella- guida empirica dell'aberrazione cromatica, in realtà ci sarebbe molto da scrivere su questa e sulla relativa tollerabilità soprattutto in certi diametri
    La famosa tabella- guida empirica dell’aberrazione cromatica, in realtà ci sarebbe molto da scrivere su questa e sulla relativa tollerabilità soprattutto in certi diametri
    Il Sole permette soddisfacenti osservazioni non solo casuali ma anche di serio studio (es il calcolo del n° di Wolf) anche con piccoli rifrattori e anche di corta-media focale relativa (anche qui, contrariamente alle convinzioni di molti). In questo campo, i miei cinque tubi erano davvero indistinguibili. Il massimo ingrandimento utile a causa della turbolenza, difficilmente superava i 100X e a questi ingrandimenti, tutto quello che c’era di visibile, era ben visibile.  Facole, macchie, brillamenti e grani. Contrasto e incisione dipendevano molto di più dal filtro astrosolar usato, dal  prisma di Herschel, e dagli oculari ancora una volta.

    La mappa con i famosi craterini di Plato
    La mappa con i famosi craterini di Plato

    La Luna,  “LEI”, mi viene spontaneo articolarla al femminile stante il glorioso passato mitologico e deistico assimilandola alle sensuali divinità femminili, alla fertilità e in generale al femminino sacro, incluso le lontane origini del culto mariano… Ebbene, si sa, Lei è benevola con tutti gli strumenti, non tradendo le sue origini appunto. La Luna, la definisco una meretrice sacra, si accoppia a tutti… JRiesco a trarre soddisfazioni anche col minuscolo ma perfetto rifrattorino da 25 mm F 10 (CA 10, un ultra Conrady…). Stante il suo altissimo contrasto e generosità di dettagli osservabili, il rischio di ebrezza se non sbornia con il nostro satellite naturale, è altissimo, qualora e come la maggior parte dei tester, ci si concentra sui soliti dettagliatissimi e contrastatissimi crateri e rimae e terrazzamenti etc, etc, etc. Posso garantire che testare, side by side, rifrattori di qualità e di pari apertura ad esempio su: Copernico, la tripletta Alphonso-Tolomeo – Arzachel, gli appennini e centinaia di altre morfologie, oltretutto  in condizione di luce radente-favorevole, banalizza-appiattisce le sottili differenze eventuali dei nostri amati rifrattori. Soprattutto, come detto sopra, può falsificare il nostro senso critico. D’altra parte, e all’opposto, osservare le medesime morfologie in un solo strumento ci appaga sempre acriticamente! Quindi l’alternativa, nel side by side, è andare alla caccia di domi e crateri e rimae e dettagli “insignificanti”, osservando in condizioni di fase e di luce sfavorevole, cercare “ponti lunari” e differenze di albedo “colorati” e altri dettagli non così comuni e immediati. Andare certamente oltre il Rukl, e (ri)scoprire: “cose che noi umani…” J Proprio e paradossalmente per la facilità di costumi, per godere di Selene, non si dovrebbe approfittare subito di LEI, anzi, la si deve “cercare-corteggiare” scoprirla lentamente e con rispetto e valorizzando i suoi lati interiori e non accessibili così smaccatamente ai più. Tutto ciò premesso, innegabilmente, LEI, è sempre stata stata più godibile nel Takahashi, sebbene, come detto,tutte le ottiche mostravano le medesime caratteristiche. Tuttavia,nel doppietto alla fluorite queste, risaltavano meglio con una maggiore incisione, trasparenza e contrasto e senza alcuna dominante cromatica. La individuazione poi, dei craterini di Plato ad esempio, era la medesima e dipendeva molto più dal seeing della nottata e dal treno ottico adottato che dall’obiettivo. Le sinuosità del mare Procellarum, le increspature inverosimili di Maitan e Marius, le zone d’ombra, le decine di domi, le sinuose rime minori e impercettibili e dai nomi a me sconosciuti, erano SEMPRE più visibili e godibili attraverso il contrasto data dalla cristallinità glaciale della fluorite. Al secondo posto, preferivo le immagini restituite dall’incredibile Tal, che denotava una capacità di contrasto talvolta sensibilmente superiore ai suoi concorrenti acromatici, incluso il Polarex e che eguagliava,non infrequentemente, (sapore e tonalità a parte) il doppietto alla Fluorite. Notevole era la sopportabilità ad ingrandimenti “stupidi” ben oltre i 400x del Tal e del Takahashi, ma anche del Polarex, nei quali l’immagine non voleva sapere di “rompersi” consentendo sempre una ottima focheggiatura.


    I Pianeti osservabili con moderata soddisfazione dalla stragrande maggioranza degli astrofili, diciamo la verità, sono solo quattro: Venere, Marte, Giove e Saturno, ma si riducono a due e forse solamente a uno per un rifrattore da 4” e per astrofili “normali e giovani”. Parlo ovviamente di Giove. Di Venere, ci ho sempre capito molto poco e con poca soddisfazione. Osservavo preferibilmente col Takahashi, in virtù della netto controllo della cromatica secondaria;  le fasi, la luce di Ashen, la dicotomia e la luminanza delle cuspidi. Marte: necessita di diametri maggiori per avere certezza e riconoscibilità delle maggiori caratteristiche, ma sopporta ingrandimenti elevati ed è insensibile alla deriva cromatica secondaria di buoni rifrattori che rispettano e/o si avvicinano alla regola empirica del “Sidwick”.

    Qui, Il Polarex senza elementi negativi nel treno ottico e con non troppo scomodi oculari ancora fruibili senza stancare l’occhio, permetteva  i 250x facilmente facendolo preferire (insieme al Takahashi) nettamente rispetto agli altri tubi. La lettura delle maggiori macchie del pianeta erano poi, sempre, più godibili nel Tal rispetto agli altri due cugini giapponese e cinese.
    Il Polarex Unitron è un ottimo strumento "marziano"
    Il Polarex Unitron è un ottimo strumento “marziano”

     



    Il Takahashi, era in grado di leggere le principali caratteristiche del pianeta con la medesima “piacevolezza” del Polarex, ma con “sapore” diverso, non era contrasto e incisione ma forse “tavolozza cromatica…”

    Visione realistica di Marte in un buon rifrattore da quattro pollici
    Il Polarex Unitron è un ottimo strumento “marziano”

    Su Saturno, il Takahashi, vinceva largamente su tutti,  l’algidità e la brillantezza degli anelli, era più spiccata e gradevole, la divisione di Cassini aveva un’incisione secca e nerissima così come le elusive due bande e la percezione di minore luminosità dei poli, le ombre degli anelli sul disco erano più percettibili che in tutti gli altri rifrattori. Mi stupiva e favoriva ancora una volta la capacità del Tal a sopportare utili ingrandimenti anche di 300X con immagini, nel complesso più godibili forse del Polarex e certamente del Vixen e dell’UO e appena al di sotto del giapponese alla Fluorite. La migliore visibiltà dei principali satelliti era, a favore del Takahashi e del Polarex (con oculari Kellner e talvolta Huygens Zeiss Jena) e,quando possibile il medesimo treno ottico all’oculare,  a seguire dall’U.O. 


    Giove: il suo bastardo basso contrasto, la sua mutevolezza, il suo ricco corredo di bande e festoni “colorati”, grandi pennacchiature, la danza dei satelliti medicei, fanno del pianeta, il pianeta test per antonomasia, soprattutto per un rifrattore. Tutte queste caratteristiche, negli anni, le ho potute apprezzare più o meno godibilmente e certamente erano alla portata dei miei guys da 4”.
    Alcune delle strutture gioviane visibili in un rifrattore da quattro pollici
    Alcune delle strutture gioviane visibili in un rifrattore da quattro pollici


    Si ignora però un aspetto, proprio il suo contrasto, consente lettura apprezzabile in un 4” a lente nel range di ingrandimenti che va dai 100x ai 200x, NON OLTRE. Chi afferma il contrario, pur accettando e rispettando tutte le opinioni, afferma una “bullshit”… Ora, 150 ingrandimenti non sono molti per capire significative differenze in ottimi rifrattori siano essi apo o acro ! La capacità maggiore di contrasto del Takahashi e la sottile maggiore deriva calda del Tal (oltre al suo maggiore contrasto tra gli acromatici) facevano per questo pianeta, i miei rifrattori preferiti. A seguire il Polarex e quindi Vixen e UO (senza differenze questi ultimi due). Tutte le intricate volubili caratteristiche, erano ugualmente visibili in tutti, ma, certamente più godibili nei primi due. Il Tal, poi accoppiato all’eccellente simmetrico russo da 6,5mm e al Clavè da 8mm, mi rendeva una immagine della macchia rossa ancora più godibile che nel Takahashi, sempre davvero troppo “bianca e algida” per i miei gusti. In tutte le sue opposizioni e in innumerevoli notti, le occasioni per usare 200x e oltre, erano rarissime e sempre meno godibili le sue caratteristiche che con PU all’oculare, non oltre di 0,6 mm !

 

  • Concludendo, di cosa ho avuto conferma: più che la configurazione ottica, apo o acro, Cde o Cef, F 10 o F 15, importa la QUALITA’, di lavorazione, la sua attenta figurazione, la sua lucidatura, il contenimento delle aberrazioni geometriche e della aberrazione sferica, l’intubamento, la diaframmatura, il treno ottico oculare. La temuta aberrazione cromatica secondaria NON inficia assolutamente l’osservazione del cielo profondo e moooolto minimamente quella planetaria. NOTA PER GLI “ESPERTI”: – quando il rifrattore rispetta i criteri empirici di Sidwick o meglio ancora quelli di Conrady, il tenuissimo diafano aloncino nebbioso azzurrino-violaceo, (nel quale talvolta “affoga” Giove e orla la Luna), ha caratteristiche di ottica geometrica, che pregiudica SOLO nella teoria, ma al quale il nostro occhio è del tutto insensibile-cieco non compromettendo la lettura dei particolari più fini. Lo ripeterò, sino alla nausea,allo scopo di sfatare miti e credenze molto più importante è la qualità intrinseca di lavorazione del doppietto, rispetto al diametro, alla tipologia, natalità, trattamento antiriflesso, focale…Poi ancora, ho ben compreso e avuto riconferma che i nostri strumenti, devono giustificare e legittimare il nostro acquisto e il possesso e quindi, la “realtà” è più come la si percepisce che come la si sente. Sono ovvero più efficaci le percezioni, le interpretazioni della realtàcome essa la viviamo in base alle opinioni, fedi, credenze, cultura, rispetto a come la leggiamo con i nostri cinque sensi, in questo caso l’occhio-la vista. Poi, ci sono quegli appassionati ed anche “esperti” che comprano un rifrattore per testarlo e soprattutto farlo sulla base del contenimento dell’aberrazione cromatica. Tralasciando gli esami di laboratorio e le analisi quantitative di cui francamente non me ne importa nulla, se il nostro sensore coinvolto in questo caso, è oltretutto FISIOLOGICAMENTE soggettivo, beh…

 

Sapevo che cinque rifrattori da 4” erano troppi anche per me e sapevo che prima o poi qualcosa avrei venduto. Il primo a lasciarmi è stato l’anonimo University Optics, poi, l’amatissimo Tal R (pensando, sbagliandomi, che il Vixen-Carton fosse più raro e difficilmente l’avrei ritrovato). Poi, dopo un anno, vendetti anche il Vixen. A quel punto ero convinto che MAI mi sarei potuto sbarazzare del Takahashi e del Polarex Unitron. Il solo pensiero mi faceva penare, ma si stavano minacciosamente affacciando all’orizzonte:

il Vixen Fluorite 90/810 e lo Zeiss AS 110/1650 che avrei poi intubato mirabilmente e poi ancora un rarissimo tubo originale tutto in ottone dello Zeiss Asesten by Hans Gordon,E -type 110/1660.

Ma questa è un’altra storia….

 

Recensione del rifrattore acromatico Celestron Omni XLT 120

Un rifrattore di cui se ne è discusso molto in rete, ma di recensioni ne ho viste davvero poche, motivo per cui, un po’ per curiosità un po’ per tenere aggiornato il mio sito dedito a prove strumentali, ho esaminato un esemplare di XLT Celestron.
 Un rifrattore dalla generosa apertura di 120mm, dal peso e dal cromatismo contenuto grazie al rapporto focale non troppo spinto.


La costruzione: buona, e come ci ha abituato la produzione cinese degli ultimi anni il livello raggiunto dagli asiatici attualmente era impensabile 20 anni fa, quando per un rifrattore del genere servivano circa due milioni di lire e la qualità generale era molto più scadente di quella attuale. All’epoca era facile incorrere in telescopi mal lavorati, con obbiettivi astigmatici o con un bel cocktail di aberrazioni ottiche varie.
In questi anni per esempio ho testato un rifrattore 100/1000mm Acro Skywatcher serie evostar che è risultato persino superiore ad un Vixen 102m made in Japan, un’ottica considerata gold standard per molti anni nella categoria degli Acromatici da 10cm.
Venendo al Celestron 120XLT, la costruzione e l’intubazione è molto simile a quella dei modelli ED della stessa casa con la differenza, rispetto al concorrente Skywatcher Evostar, di avere una cella ottica collimabile in termini di ortogonalità col focheggiatore. Utilizzando l’ottimo collimatore REEGO, di cui possiedo un prototipo che il produttore mi inviò gentilmente in omaggio, ho notato una non perfetta collimazione, ma utilizzando il sistema push and pull di viti presenti sul bordo della cella ottica sono riuscito a mettere in asse perfetto la cella ottica con il sistema di messa a fuoco.
Il focheggiatore è il punto debole dello strumento, poco preciso anche se fluido, ma ho notato un image shift importante osservando stelle e pianeti. Si può ovviare sostituendolo con molti dei focheggiatori in stile crayford disponibili sul mercato. Difatti la prima flangia si presta al montaggio del modello demoltiplicato di casa Skywatcher presente sul 120ED.

Buona e standard l’opacizzazione interna. I diaframmi interni risultano ben calcolati e tagliati, inoltre una serie di ulteriori è prevista all’interno del focheggiatore, contenendo in modo adeguato tutte le luci parassite.

Lo strumento viene fornito di riduttore da 50.8mm a 31,8mm, anelli, barra stile vixen standard e piggy back. Il tubo che pesa poco più di 5kg è di un bellissimo blu con meccaniche bianche. Apapre inoltre molto compatto con un back focus elevato per ridurne l’ingombro.
Attualmente viene venduto assieme alla relativa montatura Celestron CG4, una valida equatoriale di tipo 3.2 adatta per mere osservazioni visuali.
Qualora si abbiano serie intenzioni visuali e fotografiche è necessaria almeno una EQ5. Nel complesso il voto che do all’intubazione è un 7 pieno.

L’Ottica e lo star Test:
 
 
L’obiettivo e tutto il telescopio mi è giunto un po’ sporco, ma si tratta di un’ottica presa d’occasione da un astrofilo.
Ho proceduto allo smontaggio ed alla profonda detersione dello strumento, giunto comunque collimato.
 

L’obiettivo non è annerito come in tutta la produzione di Acromatici made in China. E’ spaziato in aria da un sottile o-ring plastico e tenuto in sede da una buona cella ottica. Un anello di gomma ben calcolato lo protegge dall’ingresso di polveri varie senza interferire sul diametro libero dell’ottica.
 
 
 
 

Recensione del rifrattore acromatico TAL 125 R

Il cuore del rifrattore TAL 125R Made in Russia è composto di un doppietto acromatico  di 125 mm di diametro dotato di una lente positiva Crown e di una negativa Flint

di Piergiovanni Salimbeni – (pubblicato sulla Rivista LE STELLE- gennaio del 2007)

L’azienda russa NPZ Optics State Corporation è nota in Italia per la qualità ottica dei suoi strumenti e perché, negli ultimi dieci anni, sono state proposte sulle riviste di settore alcune recensioni riguardanti i suoi sistemi Newton  e Klevzov. Stranamente nessun tester ha pensato di analizzare i due  sistemi a rifrazione, vale a dire il Tal 100RS ed il rifrattore Tal 125R, che, infatti, non sono mai apparsi su un mensile astronomico, mentre alcuni test, più o meno approfonditi, si possono invece trovare nel web.

 

Il mastodontico tubo del Tal 125R

Abituato a maneggiare quotidianamente strumenti catadiottrici nonché dei piccoli apocromatici, ho ammirato con piacere, ma anche con apprensione, le dimensioni di questo telescopio: 114 cm con il fuocheggiatore completamente in sede, e ben 130 cm di lunghezza con il fuocheggiatore completamente estratto. Aggiungendo un diagonale di due pollici si possono raggiungere anche i 135 cm – 140 cm. Tale lunghezza comporta, oltre ad un deciso “effetto leva”, anche dei problemi di fissaggio delle manopole di blocco di ascensione retta e di declinazione, nel caso in cui si operi da soli nella fase di puntamento degli oggetti.

 

Il logo Tal è semplicimente attaccato al tubo ottico con un semplice adesivo

Ciononostante, il peso si mantiene a livelli accettabili, circa 6 chilogrammi, rivelandosi solo un chilogrammo e mezzo più pesante rispetto al Tal 100RS. Questo  mi ha consentito di fare uso di un unico contrappeso da cinque chilogrammi quando l’ho installato su una Synta EQ6.

Il cuore del rifrattore TAL 125R Made in Russia è composto, per l’appunto, di un doppietto acromatico  di 125 mm di diametro dotato di una lente positiva Crown e di una negativa Flint. Com’è noto, gli obiettivi acromatici classici sono corretti per una sola lunghezza d’onda, il giallo-verde a 555 nm, che è quella a cui l’occhio umano è maggiormente sensibile, e progettati pertanto per dare il miglior fuoco in corrispondenza di questo colore. Il blu e il rosso, invece, convergono insieme in un punto diverso, ragion per cui mettendo a fuoco nel giallo, il blu e il rosso formeranno una macchia sfuocata nota come cromatismo residuo. Per ridurre questo inconveniente occorre che la macchia abbia un diametro angolare non superiore a circa tre volte il diametro del disco di Airy a 555 nm. Per raggiungere questa condizione il rapporto focale dell’obiettivo deve essere pari o superiore a 0.122D, se D è il diametro dell’obiettivo in mm. Il rifrattore in questione dovrebbe dunque avere un rapporto focale di f/15. Per ridurre l’ingombro, tuttavia, è pratica comune utilizzare rapporti focali inferiori, e in questo caso abbiamo un obiettivo a f/9.

Passando a esaminare l’intubazione, devo dire che il fuocheggiatore non mi ha per niente soddisfatto, visto che è  risultato poco preciso e molto cedevole soprattutto facendo uso di oculari da due pollici.  Ritengo che un’ottica di questo livello avrebbe meritato un sistema di messa a fuoco più affidabile. Il cercatore, invece, è davvero di ottima qualità, quasi totalmente privo d’aberrazioni  e molto solido, allo stesso modo della cella che lo contiene. Scarsa attenzione, invece,  è stata profusa nella progettazione del paraluce, di semplice plastica, ed anche in questo caso, si sente la necessità di qualcosa di meglio.

‘obiettivo acromatico di 125 mm di diametro

l

alcuni particolari del Tal 125R

Durante le osservazioni lunari, a circa 50  ingrandimenti, l’immagine è apparsa molto contrastata, col fondo cielo piacevolmente scuro ma non nero, mentre facendo uso di oculari di minore lunghezza focale, in grado di sviluppare 100 ingrandimenti, iniziava a manifestarsi un alone blu intorno ai bordi dei crateri più luminosi. Ho constatato come il residuo cromatico dipendesse in qualche misura non solo dal progetto dell’obiettivo ma anche dalla qualità degli oculari utilizzati: con un ortoscopico Genuine Ortho di 9 mm tale difetto, pur presente anche sui bordi luminosi dei crateri, è risultato inferiore in confronto a quello visibile con un economico Plössl di pari focale. La situazione migliorava però facendo uso di un visore binoculare William Optics, Barlow 2x Apo Celestron ed un paio di oculari ortoscopici teutonici di 15 mm. In questo caso il cromatismo era inferiore rispetto a quello visibile, in visione monoculare, con un Plössl Celestron di 7.5 mm. La minore luminosità dell’immagine col visore ha certamente avuto un ruolo in questo risultato.

Ovviamente, il contrasto e la fedeltà dei colori mostrata da un rifrattore apocromatico di 128 mm sono un’altra cosa rispetto a questo acromatico di 125, ricordo, però, che in questo caso il prezzo di acquisto dell’apo è decisamente superiore, pari a quasi sei volte il TAL.

Se ci si limita a considerare la quantità dei dettagli osservati piuttosto che la loro qualità, a parte una diminuzione del contrasto soprattutto ai bordi dei pianeti e nelle aree lunari di alto albedo, con l’uso di un filtro giallo l’acromatico permette di percepire la maggior parte dei dettagli lunari che si possono osservare in un telescopio apocromatico di pari diametro. Soltanto la luminosità, a causa della maggiore dispersione dei vetri e l’eventuale uso dei filtri, mi è parsa visibilmente inferiore nel primo, cosi come i bordi dei crateri che appaiono meno “netti”. Ma se l’acromatico si fa ancora ben apprezzare in campo visuale, in campo fotografico occorre invece tenere conto anche di altri fattori.

Durante alcune sere del mese di gennaio ho esaminato la superficie lunare con vari oculari alla ricerca dei dettagli molto fini che spesso utilizzo come riferimento per valutare la risoluzione dei telescopi.  Prima di proseguire nella descrizione può essere utile riferire che,  avendo percepito in visione diretta un miglioramento del contrasto e del cromatismo rispetto alla visione con il diagonale in dotazione, ho proceduto alla sostituzione di quest’ultimo con un diagonale dielettrico da due pollici della William Optics. Ma oltre a constatare un deciso miglioramento, sia nella luminosità che nella resa cromatica, ho purtroppo appurato come la maggior parte degli oculari in mio possesso non raggiungessero il fuoco, troppo interno. Erano infatti inutilizzabili i Baader Genuine Ortho di 12.5 mm e di 9 mm, vari Plössl Celestron, la serie degli X-Cel e i Vixen al Lantanio, mentre  non ho avuto problemi col nuovo oculareGeoptik di 10mm e gli ortoscopici Japan Optik di 12.5 mm e 9 mm, che raggiungevano una messa a fuoco quasi perfetta anche se proprio in corrispondenza del fine corsa del tubo di messa  a fuoco. Questo mi ha convinto ancor di più dell’opportunità di sostituire il fuocheggiatore originario.

Il potere risolutivo di questo telescopio è pari a 1”, questo significa che è possibile percepire  dettagli lunari abbastanza ostici che spesso, a causa della turbolenza, rimangono invisibili in strumenti di diametro superiore.
Sabato 20 gennaio ho preso di mira oltre alla Rupes Recta, la Rima Birt: quest’ostica struttura, lunga una cinquantina di chilometri, è spesso invisibile, in base alle condizioni d’illuminazione, in telescopi di diametro anche ben superiore a 125 mm, ma il TAL l’ha mostrata chiaramente a 150 ingrandimenti, diventando addirittura facilissima con il visore binoculare. Avvalendomi di un filtro giallo Celestron W15A, ho eliminato totalmente il cromatismo intorno ai bordi dei crateri continuando l’analisi della  superficie lunare con più appagamento: a 29.8° S e 13.5° W è situato il cratere Pitatus, che presenta un diametro di  97 km, e in esso erano percepibili unicamente le due rime maggiori situate nel settore orientale, mentre un ottimo Celestron 8 usato per confronto svelava anche le altre due.

Molto affascinante il sorgere del sole su Mons Pico, che rifulgeva come un faro in mezzo al mare, anche se ovviamente senza filtro il picco era velato di blu.
Domenica 29 gennaio ho notato tutti i domi lunari presenti sia nei pressi di Hortensius che nei pressi di Gambart, mentre la famosa rima Hesiodus era ben definita in tutto il suo sviluppo.

Passando all’osservazione planetaria, Saturno ha sempre palesato le regioni polari e la divisione di Cassini, tranne che nelle serate di seeing veramente pessimo. Nell’osservazione di Venere era talvolta era possibile percepire delle vaghe ombreggiature sul disco, meglio evidenziate con un filtro Contrast Booster. L’osservazione di Venere è però un test molto severo per un rifrattore acromatico, probabilmente il più severo in assoluto, e per tale motivo in questo genere di osservazioni risultava sempre preferibile il piccolo Pentax 75 serie SDHF che ostentava con mio sommo piacere la sua completa apocromaticità. Il TAL, invece, risultava utilizzabile solo tramite un opportuno filtraggio.

 

Il focheggiatore in dotazione possiede un’ottica molto buona

Una panoramica sulle stelle doppie ha reso ampiamente giustizia alla qualità dell’ottica e rivelato la capacità di questo rifrattore acromatico di raggiungere facilmente, in condizioni di buon seeing, il suo limite di risoluzione teorico, anche se nelle serate molto ventose è risultato difficile osservare  doppie molto sbilanciate, come ad esempio il sistema di Rigel A-BC, poiché  la compagna rimane spesso soffocata dal bagliore della stella principale, ancor più ampliato dal residuo cromatico. In questo caso, è possibile rimediare alla  situazione facendo uso di un filtro verde che riduce il bagliore della primaria ma che però altera i colori.

Centoventicinque millimetri sono poca cosa per gli oggetti del cielo profondo, tuttavia è possibile fare delle discrete osservazioni delle galassie più luminose e di molti ammassi stellari e nebulose, beneficiando del contrasto che contraddistingue il doppietto acromatico di casa Novosibirsk e di una puntiformità stellare superiore a quella dei comunissimi telescopi catadriottici.

In definitiva ritengo il TAL 125R un’alternativa più economica, ma comunque performante, ai costosi rifrattori apocromatici per l’osservazione della Luna, dei pianeti e delle stelle doppie, particolarmente allettante per coloro che non desiderano spendere le cifre richieste per l’acquisto di un blasonato rifrattore apocromatico ma che desiderano uno strumento con una luminosità ed un potere risolutivo maggiori rispetto a quelle fornite da un – anche perfettissimo –  tripletto apocromatico da 75-80 mm di diametro.

L’unico inconveniente riscontrato, oltre all’ingombro del tubo che necessita di una discreta montatura, è relativo al sistema di messa  a fuoco, che almeno nell’esemplare da me testato ha lasciato un po’ a desiderare.

L’autore ringrazia l’azienda Astrotech Srl di Thiene per aver fornito lo strumento oggetto del test.