Carl Zeiss Jena Telescope serials. A review

Introduction

Carl Zeiss Jena telescopes are between the most collected and most appreciated from amateur astronomers, also known for their optical excellence. Carl Zeiss Jena (and for some years between the end of WWII to 1990 about also the twin company Carl Zeiss “West”) produced some of the nicest optics like the AS 80/1200, the Telementor, or the APQs. Zeiss items are collected by very high prices all around the world especially in Germany and in the USA. Despite this, there is scarce and widespread information about how to give a date to Zeiss telescopes and accessories, also if each item (most of them) has a progressive serial number, that can help. Many information on Zeiss items and history are conserved in the Zeiss Archive, and many information unfortunately it’s lost or difficult to summarize. This work is a tentative effort to made a summary of the information available at this time, and to start a shared discussion about defining better the knowledge about this matter, that can be useful for people interested in Carl Zeiss Jena history and to Zeiss’s telescope collectors.

Main original sources available: sources for this study have been the following.

  1. Zeiss “Diarium” (Source: Hans Beck – Walter Stephani).
  2. Zeiss “Astro 1” Register (Source: Zeiss Archive)
  3. Zeiss “Astro 2” Register (Source: Zeiss Archive)
  4. Database of Zeiss Existing Telescopes (DaZET), Lenses and Serials (database produced by Myself in the last 8 years, with sources on the web and personal communication with many Zeiss collectors):
    1. 1897-1945 Pre-WWII Objectives
    2. 1897-1945 Pre WWII Telescopes (and Objectives)
    3. 1897-1945 Aussichtfernrohr Starmor Starmobi Asem Asembi (Astro 1)
    4. 1929-1976 Telescopes on Astro 1
    5. 1945-1994 Objectives

Information on sources are summarized in Table1.

Table 1. Sources for Zeiss’s telescope serial number information.

Source

Kind of information

From Serial

To serial

From (date)

To (date)

Nr.

Diarium

Serial of telescope objectives, type of lens, diameter, focal length

26

13.655

1898 ?

1924

 

Astro 2

Serial of telescope objectives, type of lens, diameter, focal lenght

15.001

38.593

8.3.29

1976 ?

 

Astro 1

Serial of Asembi, Asem, Aussichtfernrohr, Telescopes, Prisms, Domes, etc.

11.364

50.392

11.10.29

27.10.76

 

DAZET a. (Pre-WWII Objectives)

Serial numbers of Pre WWII Objectives

606

18503

 

1945

55

DAZET b.

(Pre-WWII Telescopes)

Serial numbers of Pre WWII Telescopes

133

17610

 

1945

93

DAZET c.

(Pre-WWII Aussichtfernrohr)

Serial numbers of Asembi, Starmor-Starmobi

33

13911

(14066)

 

1945

41

DAZET d.

(Post-WWII Aussichtfernrohr and Telescopes)

Serial numbers on Telescopes, Terrestrial Telescopes, Domes, Prisms, etc

(14067)

17339

 

42144

1945

1970 ca.

14

DAZET e.

(Post-WWII Objectives)

Serial numbers on Post-WWII Objectives

(18999)

19017

98130

1945

1995

177

Total

 

 

 

 

 

380

*Number of Entries (as June 2020)

Jena-Oberkochen

It has to be noted that after 1945 there were two Zeiss divided in the America Occupation Area and in the Russia Occupation Area of Germany, then German Federal Republic and DDR. The sources that are considered here are all to be referred to Jena production, after 1945, I have no information about codification used in Zeiss West telescope production but seems quite clear that Astro 1 and Astro 2 register were used in Jena factory (Carl Zeiss Jena) also after 1945. This has to be further investigated. I know very few objectives from Zeiss Oberkochen, and also on these numerical serials are present. I know a Zeiss Apochromat 150/2232, probably made in ‘70s or before, with Serial Number 6147, owned by a friend,  and the 350/4462 of the former Anacapri observatory  (Sky and Telescope, May 1965).  Obiouvsly this numbers are of a different serial that the one of the “main” series of Carl Zeiss Jena, and probably refferring to a Zeiss West separate register (no information about it at the moment).

Fig. 1 – Carl Zeiss (Oberkochen) Apochromat 350/4461 n. 6102 (Source: http://www.fernrohr-service.de/9.html, Wolfgang Grzybowski)
Fig. 2 – Carl Zeiss (Oberkochen) Apochromat 150/2232 n. 6147 (Source: Unitronitalia.it – Gianni Quarra)

All other information in this paper is referred to (DDR) Carl Zeiss Jena or unified Zeiss pre-WWII or post 1989. We can assume, at the moment, that Zeiss Astro Department (unified) ended production of commercial astro-amateur telescopes in late 1995.

Serial on Objectives Dates

The “Diarium”

First direct Zeiss source is a notebook called “Diarium”. Walter Stephani, that is my source for a copy of the “Diarium” under a request of Mr. Hans Beck, in 2016, has recently (2020) made openly available this source to ATS (Antique Telescope Society) List members. Stephani writes that in his files he had a PDF-copy of the Diarium since many years. During a visit to Jena around the year 2000 he met the former head of the Zeiss Astro Department, Hans Beck, who was already retired at that time (by the way, Mr. Beck celebrated his 90th birthday a few weeks ago). When he left, Mr. Beck mentioned that he had some documents that could be interesting and useful, and he gave to Mr. Stephani  a CD. On this CD was the PDF of the Diarium. Some years later Walter Stephani  took the trouble to transfer this long list into an Excel spreadsheet, also to be able to search for different aspects in the list.  Some years ago Hans Beck and Stephani talked about the Diarium and the  Excel version of it. Beck suggested to make the Diarium “Public Domain” after all. Now a copy of the Excel-spreadsheet with all Diarium’s information made by Walter Stephani is published on the ATS (Antique Telescope Society) Forum files, and available for interested people.

Remarks on Diarium (from W. Stephani)

Source:  he don’t know if the original Diarium still exists, nor who owns it, nor who has the rights to it. In his   knowledge it is not in the archive of the Zeiss company. The Zeiss archive has received my copy of the PDF slide and also the  Excel list from him (W. Stephani in letters). Diarium Title: printed title “Diarium” is added with the words “Laufende Objektivnummern” – that means “Sequential lens numbers”. The first 18 pages of the Diarium contain information about the first pieces produced in the Zeiss Astroworkshop, including prisms, (plane?) mirrors, eyepieces and photo objectives. In addition, there is a list of working hours and a Statement of accounts with the Schott glassworks. On p. 7 the first dating “d(en) 6. Juli (18)98″ for ” four planar lenses” is found. The last dating and the end of the more detailed book keeping on p. 18 is May 1900. On the following pages the Diarium is continued as a list. The first column headings are: “Stück/Öffnung/Bildweite/Litt(era)/N(umer)o. Gravi(e)rt-Verkauft/- Pieces/Aperture/Image width/Litt(era)/N(umer)o.  engraved-sold/. The last column later is headed with /No. in stock – sold/. From ca. 4300 on it only lists the numbers and occasional details in case of special features. At the beginning of the list, the numbers of the sold lenses were crossed out. This was abandoned later. On the last three pages the Diarium contains the similar information as at the beginning, they apparently are written by the same writers. The list in the Diarium records the lenses with the numbers 26 – 13655. There is no mention of dating in the list. The list ends with the entry “1924”. So Stephani (and myself as well)  concludes that the Diarium lists all (most?) Zeiss Astro lenses manufactured up to the end of 1923. The PDF obviously lacks a page with the lens numbers 4516-4673. Last note of W. Stephani is about the Excel list: its goal was to be able to search lenses listed in the Diarium easily. To achieve this, he tried to transfer all information readable in the PDF as accurately as possible into an Excel list. As remarks, he have added time stamps and notes on lenses and mirrors known to him, which may facilitate dating.

Diarium description

From page 1 (cover) to page 18, a series of comments on different items, some date, are listed in non -systematic way. From page 19 as described above a systematic list of consecutive serials starting from n. 26. After page 74 a page is lacking, as above signalled, between serial numbers 4516 and 4673. Page 135 in the pdf is equal to page 137. Page 169-170 are equal to 171-172. Last page with list is page 182. At page 183 there is only the entry “1924”, interpreted as a start of year. Pages 184-186 are notes that start with the word “Ausgang”. There is a “jump” in numeration, numbers are lacking from 8098 to 8897. In a paper of Wolfgang Busch[1] there is a summary of engraving styles of Carl Zeiss Jena objectives: “In the early phase of the Jena Astro department, or about 1897 to 1900, there was, in the objective manufacturing still no mandatory standards for the marking on the cell. This is at # 249 still quasi handwritten and even contains the word Apochromat; for Nr.733 and 819 engraved block letters have been used, but no type of designation, and the focal length has not been specified. Both then become later a standard”.       

Fig. 3 – Example of very early Zeiss telescope objective, around 1900 (Source: from the Web)

Fig. 4 a e b – Some of first examples of engraved block lettering on a telescope cell (Source: a-Giuliano Tallone; b- Astromart, Regis Les Cocguen)

Fig. 5 a e b – First examples of Serial Number with designation of Lens Type (in these two cases, a Zeiss “E”). (Source: a-Cloudynights, Dan Schechter; b-Astrotreff, “Vador50-Giuillame/Wilhem)

Fig. 6 a e b – Stabilized graphic standard for Zeiss lens engraving in pre-WWII times, with Zeiss name, Serial Nr., Lens Type and Focal lengh in cm (Source: a- Apm-telescopes.de, Markus Ludes; b- Cloudynights, “Dwight J”)
 
The “Astro 2” Objective Register

Astro 2 is a register composed by 66 pages, on a pdf file provided under formal agreement from Zeiss Archive. The agreement asks not to made other copies of register nor to let someone other to have a copy. First page is a cover; pages 2 is filled with notes (it seems to be the rear cover?). Page 3 starts with the list, that page is not numbered, but the following is numbered “2” so this is possibly the page “1”. Then the pages follows with consecutive numbers (2-26). Page 27 and 28 are lacking, and the following is numbered “29”. On this page a note says “Seiten 27 und 28 fallh aus”. The series of serial is not interrupted (18.304 at end of page 26, 18.305 at start of page 29). So probably these two pages were lacking before list compilation. First serial number on the list is 15.001, dated 08/03/1929.mPage 30 and page 31 as well are scanned two times, one with a paper note and one without so the text can be read fully. Page 35 is scanned two times, one with a part that is different. After the page numbered 44 the next jump to 47, but the serial number series is consecutive (last 20536 first 20537). From page 53 before the column “Auftrags Nr.” a new column “Zeichn Nr.” appears. Page 54 is scanned two times, one with a note, and another without. Last page is the page numbered 64, last serial number is 38.593.

 The last date on the list

Last date on the list is 10.6.1969, on page numbered 61, for serials n. 29.731-29.735. We can try to date following pages using other register Astro 1 (that is dated later, to 1976) as benchmark, considering different information that can be compared (see the next paragraph on Astro 1 for code interpretation). We can use some similarity to found information. On Astro 1 there is a series of three batches of 2.000 Schulfernrohr each: serials 42.565-46564/44.565-46.564/46.565-48.564, dated 27/05/71 the first two and 28/05/71 the third, that have the Aufrag 616 2 2510, 616 2 2513 and 616 2 2516 respectively, that have (all of them) the same “Sach Number” of 16 12 08:003.26. We can observe that these on Astro 1 are dated. Mading a comparaison with Astro 2 allows to found at page 62 the same “triplet” of 2.000 lenses batches, and we found that on two registers these have the same “Order number”, so we can say that are the same, serials are 30.337- 32.336/ 32.337-34.336/ 34.337-36.336 (not dated), that have the Aufrag 616 2 2510, 616 2 2513 and 616 2 2516 respectively; they have (all of them) the same “Sach Number” of 16 12 08:003.26. So also the “Sach Number” is the same, and we can be quite certain that these are the lenses for the order of telescopes that is mentioned above. So also these lenses 30.337-36.336 can be dated in May 1971, as all lenses on Page 62 of Astro 2. Another example is the order n. 616-02-2991 that we can found on “Astro 1”, for 10 Parall. Montierung with serials nr. 50.156-50.165. This order is not dated, but is immediately before another dated 24.10.1975 (and before a long series of items without date, being the previous one available the 14.11.1974 of item numbered 49.552). So we can suppose the order of 10 Parall. Montierung can be made around central month of 1975 (June-September?).

Fig. 7 – Astro 1 Page 53 (Source: Zeiss Archives)

Well, we can find on Astro 2 Register the same order n. 616-02-2991 for 10 Parall. Montierung, but with different serials obviously (38.501-38.519). This two orders on the two different Registers have also the same Such Nr. 16 23 09 : 001-26. So we can infer that these serials on Astro 2 have the same date of previous (so central months of 1975, around). This helps to date the last pages of Astro 2, because this order is on page 63 of Astro 2, where no date can be found.

Fig. 8 – Astro 2, Page 63 (Source: Zeiss Archives)

About this case, it’s unclear to me why this order for mounts is put on both registers, also in Astro 2 that is supposed to be for objectives only. There are other items of this kind in Astro 2, especially in last pages. This mounts so should have two different serial numbers, for reasons that at the moment I can’t understand. Also the writing style and pencil used are very similar, so we can think really that these two entries were made by same person in the same day. A possible confirmation can be a confrontation of some entries in the same page 65 of Astro 2, but earlier, and especially items with Fabrik. Nummer 38.170-38.179, that are 10 AS-Objektiv 150/2250, with Order Number 2805 (and Such. Nr. 16 60 04 : 001-24). They are part of a block of 5 lines with a style of writing and type of pencil different that all other ones.

Fig 9 – Astro 2 Page 65 (Source: Zeiss Archives)

If we look at Astro 1, we can find that at page 51 we can find a similar style of writing in a series of four lines with serials between 49.264 and 49.348. Between the four batches in question, the first is for “10 Coudé – Refraktor”, that all know that uses AS 150/2250 objectives. This order has number 616 02 2804, one before the order on the other register, and is dated 8.8.1974. So we can think that these two entries on the different registers were associated, being the lenses the ones needed for these instruments. This allow to date the lens serials 38.170-38.179 at August 1974, that is coherent with the previous dating of serials 38.510-38.519, in the same page but after in the list, mentioned above.

                   Fig. 10 – Astro 1 page 51 (Source: Zeiss Archives)

In same lines with similar graphics and writing there’s also another possible correspondence, that is the one of Astro 2 lens serials (of 40 AS 100/1000) nr. 38.180-38.219 with Order number 2847 and Astro 2 telescope serials (of 30 Amateurfernrohr 100/1000) nr. 49.314-49.343 with Order number 2841, dated 8.4.1974 as well. In this case similarity is less evident, but in my opinion possible.  A last annotation is that for both these examples the Such Nr. it is not the same (the real significance of these numbers it’s still unclear to me). All these considerations let to think that the last page of Astro 2 is probably of the same dating of the last of Astro 1, around 1975-1976. 

The 40.000 Gap in Objectives list

From information from DAZET, that at moment of writing contains information on about 380 lenses and telescopes, it seems that objective serials with numbers in the range 40.000-49.999 does not exists. A possible hypothesis could be that at the end of use of Astro 2 register, a new register (or database) had been started, jumping to the next round number in tens of thousands, as made in the “Astro 1” register that is mentioned after. This hypothesis is based on the information available at this moment and will change if other evidence about existence of 40k serial lenses will sort out. The very last lens with 30k serial I know is an AS 100/1000 serial n. 38590, that is one of the last batch signed on the Astro 2 register that we can date around 1976 for what I said before. The very first lens with serial after 30k that I know is an AS 200/300 lens with serial n. 50460, that if what written above is correct, could be dated also around 1976 (series re-starting).

Astro 1 Telescope Register

Astro 1 is a register composed by 55 pages in a pdf file provided under formal agreement from Zeiss Archive. The agreement asks not to made other copies of register nor to let someone other to have a copy. First page is a cover; pages 2-4 are filled with notes; page 5 starts with the list, that page is numbered “7”. Then the pages follows with consecutive numbers (7-54) just pages 47 and 48 lacks the corner with number. At the end after page numbered 54 follows two last pages numbered 85 and 86 with a Planetaria list (see after). First serial number on the list is 11364, dated 11.10.1929. List is divided in five columns: “Serial nr.”, ”Number of pieces”, “Description”, a code (“belegh für”), “Date”. Serials, in general, are consecutive numbers. There are some cancellation and some substitution, some notes written on margin, etc… This was a working register in Zeiss factory. Each line of register represents a “batch” of production, with a corresponding internal code (“belegh für”, that means: “Proof of / Evidence of”). Number of pieces is the number of items in the specific batch, and corresponds to the number of serial reserved for the line. Sometimes are only one or few, in some cases a single batch can include 2.000 items (especially after WWII). In the Description column there is the description of telescope or instrument that is made with this serial. “D.F.” in this column probably stays for “DoppelFernrohr” (like the “Asembi” model). Code “belegh für is probably a production internal number, the significance of this is still under study. In second part of the list there are two different codes, “belegh für” becomes “Auftrag” (that means “Order” or “Job”) and another one Is added “Sach nummer” (“Case Number”, “Thing Number” or “Stuff Number”). The meaning of “Sach nummern” one is undetermined at the moment, the other is the “Order code” and can be linked between the two Registers Astro 1 and Astro 2, as noted above. It has to be noted that from page 40 of the Astro 1 Register a new column it has added, called “Sach Number”. The code referring to this column is also present in many (not all) items from ‘50s, added in “Description” column, but from this point is ordered separately. This “Sach Number” significance at the moment it’s unclear for me, but other code, that from the same page 40 is called “Auftrag” and from page 51 “L.A.” (but appear to be the same code of “belegh für” in previous pages) is probably an Order Code, different for each batch. This code after 1949 constantly is formed by three separate numbers:

  • a first code that after 1949 is “616”, with some variation in specific cases (i.e. at serial 17.197 to serial 17.293 corresponding to a 2 m Holspiegel and other big mirrors code is “694”; in this case the number is more complex, 694 9 5151 616 223, maybe they are two codes together, and is repeated for all of them);
  • a second one that after 1949 is normally “1” or“2”; with some variation in specific cases (i.e. at serial 1797 above mentioned is “9”);
  • and a third of four numbers, that is changing for each batch, and that is tendentially increasing (with some variations).

Probably, in general, first number “616” is the number of unit of production (Zeiss Astro Dept?), “1” or “2” are probably sub-units inside the Dept.  ant the third number is the specific number of each order. About the other code “Sach Number” all remains to be understood. I observe that in some case is the same for different batches: as for three big consecutive batches of 2.000 Schulfernrohr with serials 42.565-46564/44.565-46.564/46.565-48.564, dated 27/05/71 the first two and 28/05/71 the third, that have the Aufrag 616 2 2513, 616 2 2513 and 616 2 2516 respectively, that have (all of them) the same “Sach Number” of 16 12 08:003.26. Date probably means the date of start of the production of the specific order (batch); it is not a final date of delivering of the item, that probably is very much variable. If the order is for one single lens the production time is limited, but for orders with 2.000 items or for very large telescopes obviously this can ask months or years. So this is just a general reference on age of the telescope. This system was choosen by Zeiss probably because this allows to have a certain serial number for each item from start of production. It’s interesting that some item has not a serial engraved on itself (like some telescopes or lenses), but if this reasoning is correct they should have in any case an assigned serial number.

Type of item listed

On Astro 1 cover title tells “Astro” with an added nr. “1” and follows with “Fabrikations Nr. fur: Aussichtfernohr, Kamera, Urgan, Spiegel u ___, [a word that is not readable, cancelled], Planetarium (?) Kuppeln”. In the list we can find this kind of material and other like prisms, especially before WWII. After WWII in Astro 1 are listed Schulfernor and Cassegrain-Meniscas telescopes, as well.

Annotations on registry

Astro 1 Telescope Register is introduced by a series of draft notes written on small paper pieces, some of them very interesting to understand better the way in wich Zeiss’s technicians numbered items. On note says “Alle Fabrikationsmummern warden durch L-V gegeben” that means “All manufacturing numbers are given by L-V”. The meaning of this note has to be cleared, as now. Another note is “Fabrikationsnummern fur Starmor, Starmobi und Asiola fortlaufend ab Nr. 1922” that means “Manufacturing numbers for Starmor, Starmobi and Asiola consecutively from no. 1922”. This information is corresponding to the observed numbers on Starmor, Starmobi and Asiola on the Astro 1 list. A third note is “Asem erhalt keine Fabr. Nummer, weil die Nummer von Prismen-Umkehrsatz als Fabr. Nr. gilt” that means about “Asem doesn’t have Fabrication numbers, also if the number on prism is the fabrication number assigned”.  I observed that this rule is valid for all terrestrial instruments that are listed on Astro 1 list, that has not the F.N. on the focuser, as the telescope have, but on the inversion prism. So this number is corresponding to the F.N. of the whole instrument.

The 22.278-35.000 Gap

In Astro 1 after the Serial 22.277 dated 4.2.1959 a double line signs an interruption. List re-start with an annotation “neue # Gruppe”, after wich the list re-start with number 35.001, dated 13.2.1959. It seems to, considering that the dates of the two above mentioned serials are very near, that there is a gap in serials from number 22.278 to number 35.000.

The last date on the list

Astro 1 list terms with serial numbers 50.393-50.395, corresponding to three KFPI3, produced from 3.4.1990. This is a late addition to the list, because the previous entry is dated 27.7.1976, corresponding to serials 50.373-50.392, of a batch of 20 Amateurfernrohr 100/1000. We can use this last date and the previous to date the serials on the other list (Astro 2, Objectives), using a confrontation between writing styles and other elements (see paragraph on Astro 2).

What happened to telescope numeration after “Asto 1”

Altough the series of objective Fabrikationsnummern followed in the years after 1974, and we suppose in chronological order, It’s not very clear what happened in telescope numeration after these numbers. It seems that the rule to made numbers also for OTAS followed, but this is uncertain at this stage. There are some numbered telescopes in the ‘80s, with serials on tubes and  mounts, like one of first APQ 100/1000 Objective n. 96025 associated with mount Nr. 86280, and Nr. 85015 on OTA, sold in 2014 in an auction and then on a famous site. I’m also aware of a PaMont II with serial 97.486. Hard to say if the serial sequence for items like mounts in ‘80s – ’90s  is the same of the one of the objectives.

Fig. 11 – Pa Mont T serial 97486 (Astrotreff, “Asux77”, Erns Christian)

Very interesting is documentation about APQ objective Nr. 98.130, an APQ 100/1000. This seems to be at now the highest Zeiss objective serial number ever. I have access of a copy of Zeiss test report for this lens, that is dated 24/08/1993. This telescope has also a number typed (engraved?) on the tube, that is the same number 98.130. A strange thing it’s that despite this is a very recent APQ, the label is marked “Carl Zeiss Jena” with the old logo (it’s its original lens?).

Fig. 12 – Last Zeiss Telescope? Zeiss APQ 98130 test of August 24, 1993 (Source: a, b, c – Apm-telescopes.de; d- Astromart, Doug Lee)

This lens has been sold on a famous commercial site in 2016. On the same site in 2020 an APQ 100/640 has been sold, with lens serial Nr. 97819, but on the tube the serial Nr. 98207, that so seems to be the absolute number higher in the series of OTAs.  Unfortunately I haven’t for this lens the Zeiss test.

Fig 13 – Lens Nr. 97819. Look at writing type, very different from previous (Source: a and b- Astromart, Markus Ludes; c- Apm-telescopes.de, Markus Ludes)

A third one, has the objective n. 97109 and the number on serial 98159.

Fig. 14 – Lens Nr. 97109, tube serial 98159 (Source: a and b- Ebay.de, “albireo74”; c- Apm-telescopes.de, Markus Ludes)

A possible consideration about this is that can lead to two hypothesis:

  1. Zeiss used to match a lens number with the same number on the OTA, but in some moment in time objective has been exchanged with another one (in the case of 97819 lens and 98207 tube and 97209 lens and 98159 tube it doesn’t match);
  2. Zeiss do not used to match objective and OTA if not sometimes, and so all the above telescopes are in the original configuration as sort by Zeiss factory (and there are two different lists for tubes and lenses?).

Some other cases has to be verified before to make a conclusion on this. I put on a table the APQ lens serials for those that have a known test report (just 12 objectives). It seems to be no correlation between the date of report and the serial number. It’s interesting that the second earlier (96996) and the last (98130) have about the same date for test report. What does it mean? That all APQs were produced in a single batch and sold in the following years? Note tat the latest seems to be dated 2003, and many are after late 1995, when it is known that Zeiss Astro Department closed.

Table 2 – Serials and Test Report dating of Zeiss APQs.

Serial Number

Data Zeiss test report

96112

01/06/1994

96996

29/09/1993

97003

08/12/1993

97008

06/08/1993

97039

15/09/1995

97118

01/06/1994

97422

26/10/1993

97584

16/03/1998

97693

04/11/2002

97695

23/09/1998

97814

13/05/2003

97819

09/12/1996

97865

27/11/2003

98130

24/08/1993

So some final consideration about the Zeiss test report dating. A test report can be made if a lens is already existing, obviously, so the test report can be the witness that at that date the objective was existing. Thus,  I can say that the lens Nr. 98130 above mentioned was made certainly before 24 August 1993.  But they are lenses with a lower serial number, like the 97695, that (if – assumption – lens serial are consecutive) has to be made also before 14 August 1993: but its serial report is dated 23.09.1998. So 1993 is before 1998, but long before…

Fig. 15 – Lens report for Ob. Nr. 97695, dated 1998 (Source: Unitronitalia.it, Gianni Quarra)

What I can think is that:

  1. Test reports were made by Zeiss at the moment of sale of lens, and not at the moment of production; OR
  2. Serial numbers are not ordered consecutively in time.

At the moment I’m more of the opinion that hypothesis 1) is correct, but probably more information is needed. Another very interesting observation is that in my database between Nr. 96996 to Nr. 98130 there are no other kind of objectives, APQs only (32 of them I know)! The only exception to this rule is the above mentioned PaMont n. 97486 (but I can’t be certain that the numeration is the same, or if another list of items different from objectives does exist).  So this can lead to the (working) conclusion that all serial from Nr. 96996 to Nr. 98130 are used for APQ lenses? It could mean that the total of APQ produced could be around 1.134.  This figure is a bit higher than the estimate that some expert published on an American forum. But has to be noted that some APQ has been produced long before, it has written in the past on Achromat.de that an APQ with serial n. 79.315 does exist (maybe the very first series of APQ 100/1000 in 1986?), and I have other entries for APQs between serial Nr. 95973 and Nr. 96112. Between Nr. 96112 and Nr. 96996 other kind of lenses (i.e. AS) are present. If after Nr. 96996 I found all on 32 lenses as APQ by chance, I’m lucky! But it can’t be excluded.

The Planetaria list

At the end of the Astro 1 Register there is a list of serials used for Planetaria, from serial n. 55 (Year 1949) to serial n. 388 (Year 1990).

Summary: Series of serials

Using the above mentioned information, we can distinguish the following separate continuous series of serial numbers in Zeiss telescopes, related to the available original information:

  • Serials of Objectives
    • Lacking period: 1897-1899 ? (Serials 1-25)
    • Reference source: Diarium. Period covered: 1897 ? – 1923 ? (Serials 26-13.655);
    • Lacking period: 1924-1929 (Serials 13.656-15.000); (information on single telescopes from DAZET A.
    • Reference source: Astro 2 Register. Period covered: 1929-1974 ca. (Serials 001-38.593)
    • Lacking period: 1975-1995 (Serials 38.594-98.130 or higher). Information on single telescope from DAZET E.
  • Serial of Telescopes, Terrestrial telescopes, accessories, etc…
    • Lacking period: 1897 (or before)- 1929 (Serials 1-11.362)
    • Reference Source: Astro 1. Period covered: 1929-1976 ca. (Serials 11.363-50.392)
    • Lacking period: 1976-1995
  • Other serial series:
    • Asembi after WWII (from ‘70s) apparently follow a different serial numeration (probably the binocular series, with six-entries serials).

Picture credits: information in the reference archive used for this paper are a collection of the cited sources and many widespread others on the web. Main source of data and pictures are www.astromart.com, www.cloudynights.com and www.apm-telescopes.de (both online edition and archived copies in www.archive.org), of Markus Ludes, that is the main seller of old Zeiss telescopes in the world. Copies of old Zeiss registrers are used under permission of Zeiss Archive. I thank Walter Stephani and Dan Schechter for text revision and many Zeiss passionate collectors for exchange of ideas during time, especially Bob Trotter of Western Australia.

[1] Busch W., Zur Entwicklung der Fernorohrapochromate im Zeisswerk. Paulys zweilinsiger Apochromat “A” – Anfang und Ende. Jenaer Jahrbuch zur Technik – und Industriegeschichte Band 17 (2014), S. 125-139.

Comparativa oculari ortoscopici T-Japan: Volcano Top VS Meade S. 2

Una bella comparativa tra oculari ortoscopici firmata da Giuliano Tallone

 

Gli ortoscopici “Tani” o “T-Japan” sono tra I più conosciuti oculari di questo genere, anche se ormai non più in produzione: per molti anni sono stati un “must” per gli osservatori planetari, e considerati poco sotto I migliori oculari ortoscopici come gli Zeiss. Approfittando della mia abbondante dotazione di ortoscopici di varie tipologie, ho deciso di mettere a confronto diretto due serie “cugine”, entrambe di fattura “T-Japan”: da una parte i classici Volcano Top” che erano venduti sotto diversi marchi tra i quali University Optics negli USA e Unitron in Italia, e dall’altra gli ormai attempati Meade Series 2 OR venduti negli anni ’70 e ’80.

Ero curioso di vedere se la notoria qualità costruttiva e soprattutto ottica giapponese si era mantenuta identica negli anni, o se ci fossero differenze tra le due serie. Dei Meade Series 2 possedevo ed ho potuto provare il 4, 6, 9, 12.5 e 25 mm, mentre dei Volcano Top i 4, 6, 7, 9 e 12.5 mm. Ho deciso quindi di confrontare le focali identiche, mettendo fianco a fianco i 4, 6, 9 e 12.5 mm dei due tipi, in modo di avere una verifica diretta. Per la prova ho utilizzato il Carl Zeiss Jena C110/750, quindi aperto ad F/6,8, e come “target”, considerando la vocazione planetaria di questi oculari, la Luna e Giove che tra l’altro sono soggetti particolarmente ostici per un doppietto Fraunhofer così aperto.

Ecco la visione di insieme delle due serie, dei Meade dovrebbe esistere anche un 18 mm e dei Volcano Top anche il 18 mm e il 25 mm.

Costruzione e meccanica
Entrambe le serie sono ben costruite, ma i Series 2 sono più “massicci” e di apparenza più solida. I Volcano sono più leggeri, ma costruiti sempre con ottimi materiali. I Meade hanno anche una parte del corpo dell’oculare zigrinata, che rende comoda l’impugnatura. E’ da rilevare che nell’adattatore William Optics 2”/1,25” che uso sul fuocheggiatore Zeiss M52 i Series 2 entrano perfettamente “a filo”, mentre i Volcano Top sono leggermente più stretti e quindi “ballano” un po’, e costringono a stringere abbastanza la vite di serraggio, con il rischio di inclinare l’asse dell’oculare, con potenziale peggioramento dell’allineamento degli assi ottici e quindi della resa finale. Ciò nonostante nella prova non mi è parso che i Volcano soffrissero di un peggioramento dell’immagine a causa di questo fatto. Ho notato però che in alcune focali (in particolare nel 12,5 mm) il campo visivo risultava “spostato” rispetto quello inquadrato dal Meade, in particolare questo effetto è visibile o comunque si nota osservando la Luna. Le focali più lunghe che ho confrontato delle due serie non sono assolutamente parafocali, mentre il 9 mm e il 6 mm non richiedono che minimi spostamenti di fuoco alternandoli, essendo quasi parafocali.

 

Le scritte paiono piuttosto resistenti in entrambe le tipologie, anche se va valutato che i Meade hanno probabilmente 30-40 anni e le scritte non sono incise sul corpo del barilotto ma stampate. Nonostante ciò esse sono quasi tutte ben conservate. Nei Volcano – che però ho comprato nuovi in un “fine serie” e quindi sono molto più “giovani” – le scritte sono incise sul corpo dell’oculare e quindi presumibilmente sono maggiormente resistenti. Il barilotto è liscio nei Meade mentre alcuni dei Volcano (da ciò che si legge sono queste le versioni più recenti) hanno incisa sul barilotto una scanalatura per evitare che sfuggano dal porta oculari, all’altezza della vite di fissaggio di quest’ultimo.

Ovviamente la molto maggiore età media delle due serie gioca a sfavore dei Meade nella prova, in quanto si tratta di oculari molto usati e con molti anni, mentre i Volcano sono quasi nuovi come detto. Di ciò bisogna tener conto nel valutare i risultati osservativi.

Ottica e trattamenti antiriflesso
Questi oculari dovrebbero essere tutti Ortoscopici di Abbe con design di quatto lenti in due gruppi (1-3). Non avendoli però mai smontati (per il momento) non posso esserne certissimo.
Il campo visivo apparente dichiarato dai costruttori è di 45° per i Meade Series 2, che nelle pubblicità del 1979 sono definiti “excellent 4-element high resolution optics … razor sharp 45° field”. Per i T-Japan Volcano Top dovrebbe essere all’incirca uguale. E’ curioso che i Meade “Series 1” ortoscopici commercializzati negli anni precedenti (catalogo del 1975 e 1977) sono somigliantissimi ai “Volcano Top”…

I trattamenti sono definiti come “Multi-Coated” per i Meade Series 2. Per i T-Jap VT il 12,5 mm che ho riporta la sigla “MC”.

Confronto al telescopio
Le osservazioni sono state effettuate in una sera di seeing medio, intorno a III della scala Antoniadi, (5/10 con momenti di 6/10), e trasparenza elevata.
Partiamo dai 12,5 mm, le focali più lunghe tra quelle considerate nella prova, che sullo Zeiss forniscono 60 ingrandimenti. Per entrambi l’estrazione oculare è dignitosa, quasi comoda considerando il genere di oculare, ma non faccio testo perché non porto occhiali e non patisco neanche gli oculari più “estremi”, che non mi infastidiscono. Il campo apparente è leggermente superiore nel Meade Series 2, circa 2-3° direi, anche se non l’ho misurato precisamente.

L’apparenza iniziale, il “colpo d’occhio”, dà l’impressione che il Volcano sia decisamente più nitido ed inciso sulla Luna, mentre il Series 2 ha un aspetto più “slavato”. Il colore è di un bianco puro sul Volcano, mentre l’altro sembra essere più avorio-crema. Il cromatismo, che sugli oggetti luminosi non può mancare col doppietto acromatico, è quasi assente nel Volcano, appena percepibile sul bordo esterno del nostro satellite. Più rilevante è invece, sempre nella stessa area, nel Meade, e una notevole areola violetta si stacca dalla Luna verso il cielo. Giove appare in entrambi molto simile, anche qui con un bell’aloncino violetto… Il cielo appare più scuro, direi proprio nero, nel Volcano, un po’ meno contrastato nell’altro.

Dal punto di vista dell’incisione, che poi è il vero discrimine per gli ortoscopici, parlando della resa al centro del campo visivo, il Volcano dà una impressione di maggiore contrasto sulla Luna, davvero “razor sharp” come si dice, anche se con il basso numero di ingrandimenti forniti sul telescopio della prova – che ha una focale di soli 750 mm – è difficile arrivare a distinguere le differenze tra i due oculari su dettagli che comunque appaiono molto piccoli. Su Giove i due oculari sembrano ancora più simili, e già mostrano diversi dettagli sulla SEB e sulla NEB,  il seeing solo discreto.

Ho verificato la correzione ai bordi dei due oculari, che è pressoché perfetta, nitidissima fino al limite del campo, per il Volcano che mi è sembrato da questo punto di vista decisamente notevole. Sulla Luna questa qualità è particolarmente apprezzabile perché tutto il campo è perfettamente corretto. Non altrettanto si può dire per il Meade, che a partire da circa l’80% del campo vede l’immagine degradare notevolmente fino ad essere completamente “impastata”. in questa parte del campo visivo il fuoco non si riesce a raggiungere in alcun modo, l’immagine è completamente inintellegibile. Si paga quindi in questo modo (e caro!) il maggior campo apparente, che di fatto per questa ragione non ha alcuna utilità.

Nel Volcano non sono visibili immagini fantasma o riflessi particolari. Nel Meade invece osservando Giove appare in alcune posizioni dell’occhio una immagine fantasma di dimensioni circa doppie rispetto a quelle del pianeta, dovuta forse al differente trattamento antiriflesso o a una peggiore opacizzazione dell’interno.

Passiamo ora ad esaminare i 9 mm. Il campo apparente è identico in entrambi, e dovrebbe corrispondere ai 45° dichiarati. Per entrambi l’estrazione oculare è ancora accettabile e pari a doversi millimetri. Anche qui l’impressione iniziale sulla Luna è che il Volcano sia più nitido ed inciso, con il concorrente che presenta un aspetto sempre un po’ “slavato”. Il colore è di nuovo bianco sul Volcano, e più avorio-panna per il Meade. Il cromatismo pare identico nei due oculari, con un aloncino violetto sul solo bordo esterno del nostro satellite, che però per il maggiore ingrandimento rispetto ai precedenti (83x) disturba meno in quanto spesso osservando il bordo è fuori campo. Guardando Giove i due oculari si somigliano molto come resa, e presentano all’incirca la stessa aberrazione cromatica e lo stesso aspetto generale. Anche qui il cielo appare più scuro nel Volcano.

Il contrasto e il livello di dettaglio sulla Luna sembra molto simile in entrambi i casi. Su Giove i due oculari sembrano ancora più simili, con una leggera prevalenza del contrasto e del livello di dettaglio sul Meade. Ho provato a confrontarli in questo caso anche con il Series 2 Meade MA 9 mm, sempre T-Japan ma di diverso disegno ottico (Modified Achromat, con solo tre lenti in due gruppi, 1-2), che contro ogni mia aspettativa ha una resa molto simile agli altri due. Ne ho tre diverse versioni (di cui ho parlato in un precedente post), che si equivalgono nell’osservazione.

Anche in questo caso ho confrontato la correzione ai bordi dei due oculari OR, che non perde qualità fino a circa il 90% del campo per il Volcano che lascia qualcosa solo proprio nella vicinanza del bordo campo. In questo caso sembrerebbe essere una aberrazione sferica, perché focheggiando leggermente questa parte estrema del campo va a fuoco, ma diversamente dal resto. Molto peggio performa il Meade, che già a partire da circa il 60% del campo vede l’immagine degradare fino ad essere completamente fuori fuoco a partire da 3/4 del campo visibile. Anche qui cambia la messa a fuoco, ma si riesce a raggiungere anche se ai limiti del campo è molto lontana da quella del centro campo (probabilmente aberrazione sferica). In entrambi i “9 mm” non sono visibili immagini fantasma o riflessi particolari né osservando la Luna né osservando Giove.

Salendo ancora di ingrandimenti troviamo la coppia di 6 mm, che hanno un campo pressoché identico e che sono tra l’altro sostanzialmente parafocali. In questo caso le differenze tra i due oculari sono minime, un po’ in tutte le prove. L’aspetto generale è simile, meno nitido e “razor sharp” che con le focali inferiori – probabilmente a causa del seeing della serata non certo ottimale. Il solito cromatismo del doppietto acromatico è leggermente meno evidente nel Volcano Top, ma a queste focali non infastidisce assolutamente.

Il dettaglio all’osservazione sulla Luna (ci ho perso parecchio tempo, cercando particolari diversi come rime, ombre e piccoli crateri, paragonando “in parallelo” i due oculari) sembra assolutamente paragonabile nei due, che a volte sembrano essere proprio lo stesso oculare (e forse…). Ho paragonato questi due al Baader Genuine Ortho 6 mme al TS OR 6 mm, per quanto riguarda la risoluzione sulla Luna e su Giove. Il Baader stacca in pulizia dell’immagine e contrasto entrambi (Volcano e Meade Series 2), mentre il TS è leggermente inferiore a tutti gli altri tre. Si tratta comunque di ottimi oculari in tutti e quattro i casi, le differenze sono minime anche se percepibili.

 

 

 

 

 

 

Su Giove a sud della SEB ho osservato altre due bande sottili, meglio osservabili con il Volcano che le “stacca” meglio dalle zone circostanti. Il limite del seeing della serata non permetteva di andare oltre, ma nei momenti migliori il Volcano sembrava far distinguere meglio contrasti di intensità e colore tra le diverse parti delle bande. Il cromatismo non sembra influenzare molto la risoluzione del telescopio, che sembra notevole soprattutto considerando il diametro di soli 11 cm! In questo caso il Baader non sembrava così superiore come sulla Luna.
Il Meade OR 6 mm mostra una immagine fantasma guardando Giove simile a quella osservata anche in altre focali. Il Volcano non mostra nessuna, e il fondo cielo è nettamente più scuro, segno di ottima opacizzaz one interna.

Infine i 4 mm, che sullo Zeiss C 110/750 arrivano a 187 ingrandimenti. Ho provato anche a “forzare” anche se con seeing non eccezionale, con le barlow Meade 2x Acro #140 Series 4000 e la barlow Baader della Q-Turret 2,25x (che arriva a 420 ingrandimenti, quasi quattro volte il diametro del telescopio…), approfittando dei pochi momenti di maggiore stabilità dell’immagine.

Del Meade 4 mm avevo sottomano due esemplari, che stranamente avevano campo apparente leggermente diverso (circa 2-3° direi, ma percepibile), con uno dei due avente campo pressoché identico al Volcano, e l’altro campo un poco inferiore. Nel confronto a parte questo particolare non ho trovato quasi nessuna differenza tra i due Meade, esteticamente identici (anche se uno ha perso l’etichetta… ed è quasi venduto).

La estrazione oculare è limitata ma ancora accettabile, ovviamente se non si portano occhiali, e non “estrema”, soprattutto nel Volcano che è percepibilmente più comodo.
Come al solito il Volcano Top dà una impressione generale di maggiore nitidezza (che non ho osservato solo nel 6 mm come detto, che pare identico al “cugino” più vintage) e un colore della Luna più bianco, mentre i Meade sembrano più “panna”. Il cromatismo in questo caso è poco percepibile, anche su Giove, e leggermente maggiore nel Meade. Il Meade ha solo un accenno di immagine fantasma su Giove, che si nota solo in poche posizioni dell’occhio e tende a scomparire immediatamente (nelle altre focali, dove segnalata, è più persistente).



Il livello di risoluzione anche in questo caso è pressoché identico, sia sulla Luna sia su Giove, e le differenze sono poco evidenti e non a senso unico (qualche volta sembra meglio l’uno, qualche volta l’altro). Su Giove il Meade sembra rendere qualcosa di più in termini di contrasto. Per “mettere alla corda” queste focali più corte probabilmente serve una serata con seeing decisamente migliore, e forse in quel caso le eventuali differenze potrebbero emergere con maggiore chiarezza.

 

Per curiosità ho provato insieme a questi due anche un Bushnell OR 4 mm Japan vintage, che è risultato avere un campo apparente più ampio e sembrerebbe anche in termini di risoluzione di essere addirittura migliore degli altri due… Anche qui approfondimenti e prove in serate di seeing migliore vanno assolutamente effettuati, ma la cosa è molto promettente. Ne ho anche un altro da 24,5 mm di diametro degli anni ’60 o forse anche addirittura ‘50, si preannuncia una ulteriore serata decisamente interessante…

Come detto nonostante il seeing non certo ottimo ho provato a tirare un po’ gli ingrandimenti sulla Luna, nei momenti (pochi) migliori. Bè…. WOW! Nonostante il limiti dell’atmosfera l’immagine resta nei pochi momenti di calma moooolto dettagliata, non perde nulla in termini di risoluzione, e si capisce che l’ottica è davvero di grande qualità! Penso che in condizioni più favorevoli ci si potrà davvero divertire. Anche in questo caso i due T-Japan cugini da 4 mm (e anche quelli da 6 mm) sono del tutto paragonabili.

Prezzi
A proposito di prezzi, i Volcano Top mantengono un valore elevato sull’usato, anche perché chi li ha se li tiene, e si vedono poco nei mercatini, direi tra i 55 e i 90 euro (anche se un buon affare è sempre possibile). I miei li ho trovati pochi anni fa  nuovi da un ottico svizzero che aveva penso gli ultimi disponibili del mondo… E mi ha scucito più di 100 euro l’uno.  I Meade Series 2 si vedono pochissimo in giro (se ne trova ogni tanto qualcuno su Ebay negli USA), ma come gli altri ortoscopici di altre marche mantengono comunque un buon valore nell’usato.

Conclusioni
In conclusione, i Volcano Top sembrano in media primeggiare sui parenti più vintage, ma le differenze non sono così grandi – soprattutto nelle focali corte – e anche i secondi rimangono ottimi oculari. Vista l’età ultradecennale va considerato sempre che anche la conservazione più o meno attenta e lo stato d’uso contano. Le pochissime impressioni pubblicate anche negli USA su questi oculari Meade ormai “storici” dicono più o meno le stesse cose, anche se i giudizi a volte sono contrastanti (difficile dire se per effettive differenze di qualità nella produzione o piuttosto nella conservazione delle ottiche), ma comunque in genere vengono valutati positivamente. Non tutto ciò che è vintage è di buona qualità, ma in questo caso si tratta di oculari certamente consigliati, e il marchio T-Japan non mente! Almeno questa è la mia opinione, e comunque mi sono divertito a provarli


Alla prossima…

Recensione oculari Plossl e Super Plossl da 40 mm

L’opinione di Giuliano Tallone su alcuni oculari Plossl e Super Plossl da 40 mm

Recentemente ho deciso di alleggerire un po’ la mia collezione di oculari, ampiamente sovrabbondante, ma prima di venderne alcuni ne ho approfittato per alcuni test.

Uno di questi riguarda alcuni Super Plossl e Plossl da 40 mm con barilotto 1,25”, un formato non molto amato per diverse ragioni: innanzitutto in quanto non sfrutta al meglio il massimo campo apparente della focale, limitato dalle dimensioni del diaframma di campo che non può superare il diametro del barilotto; e poi anche per la elevata estrazione pupillare, che rende non molto agevole e comodo l’utilizzo dell’oculare. Queste ragioni fanno spesso preferire per il formato 1,25” gli oculari da 32 mm, che hanno un rapporto ideale per sfruttare interamente il campo.

Anche recenti discussioni sugli oculari Japan e China mi hanno fatto venire in mente che avevo questi strumenti ottici da provare.

Gli oculari che ho testato sono:
1. un Plossl 40 mm “anonimo” cinese, che viene venduto negli USA con sotto diversi marchi (Astro-Tech, Levenhuk) ed anche in Europa su ebay come “TS-Optics Plossl”; è molto simile al “Super Plossl” TS e GSO, ma non è marchiato e, come detto, segnato come “Plossl”. Fa parte di una coppia in un lotto di oculari che mi ha venduto usato Raf, e devo dire che ne sono stato molto soddisfatto!


  1. un Super-Plossl 40 mm Meade Series 4000 anonimo (China);

  2. un Super-Plossl 40 mm Meade Series 4000 “smooth side” Japan (prima serie).
    Inoltre, pur non avendo esattamente la stessa focale, ma un uso simile, un raro Celestron/Vixen Plossl 45 mm Japan “silver”, sempre da 1,25”.

 

In teoria, generalmente parlando, i Plossl dovrebbero essere a 4 lenti (2:2) e i Super Plossl a 5 lenti in tre gruppi (2:1:2), ma non ho notizie certe sul design ottico di questi oculari, tranne che del Meade Japan, certamente a 5 lenti. Fa parte delle famose serie dei “Pseudo-Masuyama”, che nei diversi forum americani si dice siano stati proprio realizzati nella stessa fabbrica che produceva i Masuyama “veri”. A questa serie appartenevano anche almeno i Celestron Ultima, gli Orion Ultrascopic e i Parks “Gold Series” (ne ho diversi, tutti ottimi).
Il TS Optics Plossl è dichiarato a 4 elementi, e con coating MGF2. Anche il nominale “Super Plossl” Meade China in realtà, come scritto sui vari siti Meade, è un “4 lenti”. Da tempo infatti la marca americana (già dalla terza versione “Japan”) ha semplificato lo schema ottico, probabilmente per risparmiare sui costi di produzione.


In termini di qualità della costruzione vince assolutamente il Vixen 45 mm, una piccola opera d’arte, con le scritte rosse incise tipiche delle serie più pregiati di questi oculari (ne ho anche di altre focali) e peraltro il più leggero del lotto pur avendo una focale un po’ più lunga. Anche il Meade 4000 SP Japan è da vedere, con una enorme lente di campo ed un corpo dell’oculare robusto e massiccio ed estremamente ben lavorato. Bellissima la scrittina “Japan” di piccole dimensioni, sul corpo nero dell’oculare.

Anche il Plossl anonimo cinese è ben lavorato, ed ha un bellissimo barilotto in alluminio leggero e di ottima fattura. Il Meade 4000 China è quello apparentemente un po’ più buttato giù, soprattutto il barrel con una fusione in metallo un po’ scadente.

Il coating è piuttosto diverso nei diversi oculari: il Celestron ha un bellissimo trattamento viola, con un secondo riflesso su tutta la superficie di color verde, che testimonia l’esistenza di un “multistrato”; lo stesso anche sulle lenti lato telescopio; il Meade SP ss Japan ha un trattamento verde superiore e verde-violetto (diverso) inferiore; l’omologo “China” ha entrambi i trattamenti visibili esternamente di un giallo-verdino; e il TS, che in termini di fattura generale gli somiglia molto tanto da poter far pensare che sia uscito dalla stessa fabbrica (ma non ho elementi per dirlo), ha un coating diverso, verde con riflessi viola sulla lente di campo, e blu-viola con riflessi verdi sulla lente inferiore. Ritengo che questi trattamenti diversi siano molto importanti nel determinare la resa ottica degli oculari, come vedremo.

L’estrazione pupillare è comoda nel Meade China e nell’anonimo cinese, facilitata anche dal paraluce in gomma, di fattura molto simile nei due. Il Meade SP Japan anche è comodo, pur non avendo un paraluce in gomma che faciliti la posizione dell’occhio, forse per l’ampio diametro della lente. Decisamente scomodo invece il Celestron/Vixen che richiede molta attenzione per tenere l’occhio in modo da non avere il campo vignettato: l’eccessiva estrazione oculare obbliga a stare molto distanti dall’oculare e in linea con l’asse ottico, cosa non facilissima se non si è abituati (e comune ad altri oculari a lunga focale soprattutto in combinazione con alcuni tipi di telescopio).
Il campo apparente dichiarato è intorno ai 52° per i Meade Series 4000 SP, tranne che per il 40 mm che ha un campo dichiarato di solo 43°.

Prova comparativa sul campo
Ho provato i quattro oculari tutti nella stessa sera, sulla Luna, Giove e stelle brillanti, con un telescopio Zeiss Fraunhofer C 80/500, aperto quindi a F/6,25, di ottima qualità ottica. Il Celestron/Vixen è stato usato più che altro per confronto generale, vista la focale differente: offre una immagine secca e contrastata, perfettamente corretta fino a bordo campo. Ha anche una ottima trasmissione della luce.
Mi sono concentrato quindi nel confrontare i tre da 40 mm. Al controllo visivo appare una differenza di ampiezza del campo: è evidente la maggiore ampiezza del TS Ploss, segue l’appena più ristretto Meade SP smooth side e quindi il Meade China: la differenza non sembra così larga, anche se evidente. Ho calcolato il campo reale del TS Plossl 40 mm (in base al tempo necessario a una stella per attraversare il campo), che come detto sembra il più ampio di tutti, ottenendo un valore di 200’ (3° 20’), che corrispondono per l’ingrandimento di 12,5x a circa 42° di campo. Importante in valore assoluto, ma non un gran che in generale: è uno dei limiti della focale da 40 mm. Inoltre sembrerebbe abbastanza evidente che il TS fornisca qualche ingrandimento in più del Meade China, e questo fornisca qualche ingrandimento in più del Meade SP smooth.


Per quanto riguarda la correzione ottica, tutti e tre gli oculari sono molto corretti fino a bordo campo; confrontando in particolare i due Meade 4000, per cercare una possibile differenza tra il “5” e il “4” lenti, e tra il “Japan” e il “China”, per quanto riguarda astigmatismo, curvatura di campo, cromatismo laterale e eventuale cromatismo su oggetti luminosi (Luna e Giove) sono assolutamente assenti in entrambi: La luna è assolutamente perfettamente visibile e corretta anche se “tagliata” dal diaframma di campo. Il TS si difende più che onorevolmente: l’unico difetto è un accenno (proprio a cercarlo) di cromatismo tendente al giallo sul bordo della Luna, quasi impercettibile.

Il Meade Japan è meno superiore di quanto ci si aspetterebbe: l’oscurità del cielo e il contrasto sono infatti superiori nel “China”, ed addirittura il TS si impone per contrasto su tutti e due. In questo può avere un ruolo il maggiore ingrandimento reale (e quindi probabilmente una focale più corta) nel Meade China e nel TS rispetto al Meade smooth side, che presenta una maggiore trasmissione della luce rispetto agli altri due. Però il risultato un po’ mi sconcerta. Sicuramente hanno un ruolo anche i coating più moderni degli ultimi due, rispetto al più attempato Meade 4000 prima serie.
Il TS sembra essere superiore anche per risoluzione dei dettagli più fini (grazie al miglior contrasto).

Usando i tre oculari con una barlow Astro-Physics Barcon da 2” (nominalmente da 2x, mentre con la configurazione ottica che ho utilizzato e l’oculare TS Plossl 40 mm fornisce 2,15x, così come misurato sempre con il metodo del tempo di attraversamento del campo) emergono risultati simili, con sempre un percepibile anche se minimo cromatismo nel TS, e una inversione della risoluzione che diventa migliore nei Meade rispetto al TS.



In conclusione (se conclusioni si possono trarre) le “vecchie glorie” come il Meade SP smooth side del Sol Levante non deludono, ed hanno un fascino unico, ma anche i “giovani leoni” dalla Cina hanno molto da dire, e con un prezzo di acquisto davvero d’assalto: sono oculari di fascia bassa, ma che forniscono prestazioni di assoluto rilievo e che dovrebbero far riflettere su molti luoghi comuni, e sul fatto che alla fine molte delle differenze che andiamo a cercare come peli nell’uovo sono più che altro questioni estreme da strumentofili. Mi ci metto ampiamente, ovviamente, in questa categoria, ma devo dire che in questo caso ho deciso di tenere la mia coppia di TS Plossl 40 mm, che userò certamente con soddisfazione in torretta!