Fuocheggiatore TS Monorail per rifrattori Skywatcher

di Raffaello Braga

Capita abbastanza frequentemente di dover sostituire un fuocheggiatore, soprattutto quelli sprovvisti di demoltiplica forniti di serie a strumenti abbastanza aperti: la messa a fuoco, soprattutto nell’imaging digitale, è infatti tanto più critica quanto minore è il rapporto focale del telescopio e la regolazione micrometrica del fuoco diviene pertanto indispensabile. Un altro motivo che spinge a sostituire questo componente è la necessità di impiegare accessori molto pesanti che potrebbero determinare sia una flessione del tubo mobile sia il suo slittamento in una posizione fuori fuoco.

Il mercato offre un gran numero di fuocheggiatori per tutte le esigenze e per tutti i tubi ottici, sia del tipo Crayford che a cremagliera (vedi anche questo articolo). Ho provato il fuocheggiatore TS Monorail per rifrattori Skywatcher, precisamente il modello con attacco da 96 mm di diametro equivalente al diametro interno dei tubi rifrattori 80ED e 100ED (ne esiste anche una versione per rifrattori acromatici con tubo da 90 mm di diametro). L’ho montato su un 80ED serie Pro al posto del vecchio fuocheggiatore, privo di demoltiplica e piuttosto rovinato.

fok3

Il Monorail è un Crayford modificato per evitare quelle flessioni del tubo mobile che spesso si verificano coi Crayford comuni nel momento in cui si regola la resistenza allo scorrimento o si stringe la vite di blocco. Il peso degli accessori collegati al fuocheggiatore è sostenuto da una barra di acciaio inox fissata al tubo mobile e che scorre in una guida mentre i cuscinetti a sfera devono solamente fungere da guida laterale. La resistenza allo scorrimento viene regolata da una vite posta nella parte inferiore del fuocheggiatore, nella parte superiore una vite blocca il tubo mobile, se necessario, l’altra fissa il fuocheggiatore, ruotabile a 360° sulla flangia di raccordo, nella posizione desiderata.

fok2

Per garantire la robustezza e la stabilità del dispositivo è stata un po’ sacrificata l’escursione del tubo mobile, limitata a soli 5 cm: con lo Skywatcher 80 ED, ad esempio, non è possibile mettere a fuoco senza usare una prolunga, nemmeno con i diagonali da 2 pollici, anche se per poco. Sono riuscito a fuocheggiare solo con pochissimi oculari tra cui i Tecnosky XWA, per tutti gli altri ho fatto uso di una prolunga da 2 pollici tra diagonale e fuocheggiatore.

Non essendo un astrofotografo non ho potuto testare il Monorail con accessori particolarmente pesanti, tuttavia i 2 kg del setup che uso abitualmente per l’osservazione del Sole – prisma di Herschel Baader, visore binoculare Mark V e due oculari SLV 15 – viene gestito benissimo una volta regolata la vite inferiore, senza slittamenti e con un movimento regolare e preciso nonostante l’attrito richiesto. Sempre fluido e regolare il movimento della demoltiplica 1:10.

fok1

L’installazione del Monorail è semplicissima, basta svitare le tre viti a croce disposte a 120° che fissano il fuocheggiatore Skywatcher al tubo ottico e montare al suo posto il dispositivo TS usando le medesime viti o, meglio, cogliere l’occasione per sostituirle con altrettante viti a brugola. Poiché i fori sul tubo ottico sono un po’ più larghi delle viti conviene munirsi di oculare Cheshire e prima di serrare trovare l’inclinazione del fuocheggiatore che rende i riflessi sull’obiettivo perfettamente concentrici, come descritto in questo tutorial; ciò serve a compensare anche eventuali piccoli decentramenti dell’obiettivo, che, com’è noto, in questi strumenti non si può collimare.

Il Monorail è dotato di attacco per accessori da 2″ con riduttore a 1.25″, entrambi con serraggio ad anello azionato da due robuste viti. Il prezzo di listino è di 199 euro.

fok4

I commenti sono disattivati