Filtro solare Omega Optical 546nm

di Raffaello Braga

Tra i filtri per l’osservazione e la fotografia solare in luce “bianca”, ossia per mettere in evidenza le caratteristiche della fotosfera, il Baader Continuum è uno dei più diffusi. Si tratta di un filtro a banda stretta (c.ca 10 nm) con picco di trasmissione a (o vicino a) 540 nm in grado di esaltare i dettagli fotosferici, in particolare la granulazione e i dettagli delle penombre, e di attenuare gli effetti della turbolenza atmosferica. E’ un filtro che ho usato e uso moltissimo sia per l’osservazione che l’imaging del Sole, inserito nel prisma di Baader Cool Ceramic oppure a valle di un foglio di Astrosolar di grado fotografico. Le opinioni sull’efficacia del Continuum sono molto variabili, c’è chi lo ritiene un valido ausilio, soprattutto per l’imaging, e chi uno spreco di soldi poiché un filtro colorato verde ne assolverebbe altrettanto bene la funzione.

continuum

Personalmente lo uso spesso, lo trovo certamente più efficace di un comune filtro verde e utile soprattutto coi rifrattori acromatici: ricordo che nel periodo in cui osservavo il Sole tutti i giorni con il corto acromatico Tecnosky 90/500, il filtro permetteva di osservare un’immagine perfetta e molto contrastata, indistinguibile da quella di un tripletto apocromatico dello stesso diametro. Ma lo impiego anche coi riflettori e – questione di gusti – mi piace molto il colore che impartisce all’immagine del Sole. L’unico inconveniente del Continuum è il costo attorno agli 80 euro per la versione da 31.8 mm e superiore ai 130 euro per quella da 2 pollici.

Grazie a una segnalazione dell’amico Maurizio Locatelli, esperto osservatore del Sole, ho acquistato su ebay da Omega Optical 546nm un filtro centrato su 546 nm (10 nm BP) e montato in cella da avvitare al barilotto degli oculari da un pollice e un quarto. Le specifiche del filtro sono le seguenti:

  • CWL: 546 +/- 1.5 nm
  • HBW: 10 +/- 2 nm
  • T: > 80%
  • UV/IR blocking incluso
La curva di trasmissione del filtro Omega Optical

La curva di trasmissione del filtro Omega Optical

Messo davanti al mio spettroscopio il filtro ha rivelato una trasmissione leggermente inferiore al Continuum (la banda passante appariva più scura) e un “fondo” di spettro continuo non eliminato ma tanto debole da essere irrilevante per l’uso astronomico. Curioso di compararlo al Continuum l’ho dapprima montato nel portaoculari del newton a f/5 provvisto di Astrosolar fotografico, constatando che purtroppo il filtro lavorava male con un cono di luce così aperto, fornendo immagini impastate, a differenza del Continuum che invece è ottimo anche a bassi rapporti focali (in realtà questi filtri sarebbero ottimizzati solo per alcuni f/, ma qui il discorso si farebbe lungo ).

I due filtri esaminati, l'Omega a sinistra e il Continuum (versione da 2 pollici) a destra.

I due filtri esaminati, l’Omega a sinistra e il Continuum (versione da 2 pollici) a destra.

Inserendo invece il filtro nell’oculare dopo una Barlow Parks 2x di lunga focale (e ancora di più dopo una Vixen 3x, quindi a f/15) l’immagine diventava nitidissima, con un contrasto paragonabile, anzi leggermente superiore, a quello fornito dal Continuum, tanto che le regioni facolari si vedevano meglio, oltre a mostrare senza difficoltà piccoli pori e la granulazione. L’immagine era lievemente più scura rispetto a quella fornita dal filtro Baader ma c’era anche meno luce diffusa attorno al disco solare.

La caratteristica più interessante del “546” è però il prezzo: l’ho pagato infatti 33 euro, inclusa la spedizione raccomandata dagli USA, meno della metà del Baader Continuum. Per chi osserva il Sole con strumenti non troppo aperti (direi almeno f/10) si tratta di un filtro che può rendere decisamente più interessante l’osservazione e la fotografia della nostra stella.

Come il Continuum, anche il “546” deve essere usato solo a valle di un filtro solare di sicurezza a piena apertura (eventualmente di grado fotografico se l’immagine risultasse troppo scura) o di un prisma di Herschel.

R.B. (29/08/2014)

 

I commenti sono disattivati