Maksutov-Cassegrain Skywatcher 180 Black Diamond

Il Maksutov Skywatcher di 180 mm di diametro e 2700 mm di focale.

Il Maksutov-Cassegrain Skywatcher 180

by Raffaello Braga

FOREWORD

Maksutov-Gregory or Maksutov-Cassegrain telescopes (Maks for short) are very well reputed as instruments that rival apochromatic refractors for high resolution observing (Moon, planets, double stars). The design is an all-spherical one which means that figuring the optical surfaces to a high level of accuracy is relatively easy compared to other catadioptrics as the more popular Schmidt-Cassegrains (SC). In its classical configuration the secondary mirror of the Mak is an aluminised spot at the center of the meniscus, a solution that allows lower central obstructions compared to SCs, sometimes as low as 25% or even less. This however leads to considerable off-axis aberrations, but as Maks are mainly used for planetary and double stars observation which requires the instrument to deliver well corrected images on the axis only, this disadvantage is of little concern.

The Chinese brand Skywatcher – a subsidiary of Synta – is producing a 180 mm diameter f/15 Mak OTA which belongs to the Black Diamond series. It is sold at a very attractive price if compared not only to apos but also to SCs, so I will describe this instrument below. In the following review whenever I’ll write “Mak” I will intend specifically the classical Maksutov-Gregory design. 

 OTA

The black-and-white tube is 50 cm long (eyepiece holder excluded) and weigh something less than 8 kg: my Vixen GP mount (or similar clones) is therefore sufficient to manage it, al least visually, provided the counterweight is adequate: with this setup plus a 2-inch diagonal and its 28 mm standard eyepiece I measured a damping time of less than 2 seconds.

The tube uses a Vixen-style dovetail that is fixed to the OTA through two Allen screws held by lock nuts located inside the tube. This solution force the user to remove the front or rear cells if he wants to replace the original dovetail. There are no handles for transporting the tube nor the possibility to mount counterweights in order to balance the tube when heavy accessories are used.

Il menisco frontale.

The meniscus is held in place by a non-adjustable cell, which can be fine or a drawback depending on the condition in which the OTA arrives to the user (see below the chapter on collimation). The meniscus free aperture is 180 mm (the diameter of the primary mirror is slightly greater) with a central obstruction that I estimated to be in the order of 28% of the diameter if one counts the shield of the secondary mirror. This value is quite good and significantly lower than that of commercial SCs.

The inner surface of the tube and the baffle tube of the primary mirror are well blackened but lack of a baffling system for blocking stray light more effectively. The focusing is done by moving the primary mirror, which leads to a focus shift about of 5 arcsecs in the item examined. Another one, that I have had for some time before this one, showed a 40 arcsecs shift, much more annoying at high powers.

Summarizing, the tube design is sufficient for making use of the optics, however there would be room for improvements.

STANDARD ACCESSORIES

The OTA comes with some basic accessories. An Apex eyepiece of 2 inch barrel, 55° AFOV and long eye relief. It doesn’t lead to vignetting (but vignetting can occur with longer focal eyepieces) and its overall quality is good although not at the best. There are also a 9×50 finder, a 2-inch eyepiece holder and a 2-inch mirror diagonal with a 31.8 mm reducer. The eyepiece holder is of the punch-type, that is it holds the accessories by using of two damaging screws. Unfortunately it is inserted on the rear cell through a non-standard thread but it can be replaced by using of specific adapter.

There is no instruction manual, only an A4 sheet with directions on how to mount the tube, the focusing and the installation of a red-dot finder (not provided). However from the Skywatcher’s web site it is possibile to download a user manual for all telescopes equipped with an EQ-5 mount, most of which contains general tips on astronomical observing that can be useful for the owner of this Mak also.

 COLLIMATION

The OTA comes with an adjustable  primary mirror but no instructions are provided. Nevetheless the collimation is straightforward and consists in adjusting the primary by using of the large screws and then locking the position by tightening the small ones. Therefore one shall first loose the small screws, collimate with the large ones by turning them of no more than 1/8 of rotation each time and finally tightening again the smalls.

La filettatura di inserimento del portaoculari. Si vedono inoltre le tre coppie di viti per la collimazione.

 

Unlike newtonian telescopes whose collimation shall be firstly carried out in daylight by centering the primary and secondary mirror reflections and eventually making the final adjustment at night by the star test, the collimation of this Mak shall be carried out directly on a star as the centering of the mirror reflections (by looking at the front aperture from some distance or by using of a Cheshire eyepiece) is not sufficiently sensitive. As Maksutovs are well corrected only on the optical axis it is necessary to bring back the star at the center of the field after each adjustment of the screws in order to evaluate the alignment.

Of course the possibility to adjust the primary mirror is useful only if the misalignment (if any) has to be ascribed to the tilting of this element. But in classic Maks also the meniscus can be critical from this point of view and it shall therefore be accurately collimated at the factory. If this condition is not verified it could be impossible to reach a satisfactory alignment by adjusting only the primary. An advantage of the old Russian Maks over the classic ones as the Skywatcher was indeed the possibility to collimate both the primary and the secondary mirrors, although this was achieved at the expense of a greater central obstruction.

A small misalignment of the meniscus can sometimes be encountered in commercial mass-market produced Maksutovs but due to the spherical shape of the mirrors only rarely this leads to a noticeable image degradation. To check if some misalignment is present in the system one shall observe the in-focus image of a bright star at high power (say, 250x or more) and at the centre of the field looking for any asymmetry in the image: if the Airy disc is perfectly round and the diffraction rings do not show any tendency to form a fan-like structure or an astigmatic figure, then the instrument needs not to be adjusted, irrespective of the appearance of the out-of-focus images. On the contrary, if the in-focus image is not symmetric then one shall adjust the primary mirror while looking at the out-of-focus images trying to have them as much as symmetric as possible based on the position of the shadow of the secondary mirror and the concentricity of the rings. However it may results impossible to place the shadow in the centre of the diffraction figure in both the out-of-focus images, the intra and extra focal one. In this case a compromise shall be reached where both images have the central shadow de-centred by the same quantity. Then the in-focus image shall be checked for symmetry: if the figure is regular no further adjustments are needed, otherwise the OTA shall be return to the seller.

TEST RESULTS

The first thing I noticed in using this scope was the brightness of the images and the color saturation, both contrasting with my memories of the Russian maks I used in the past, with their dim and yellow-tinted images. The star test showed a small amount of high order spherical aberration in an otherwise very well figured scope, which showed no signs of roughness and diffuse light so detrimental in high resolution work. Collimation wasn’t perfect, the out-of-focus images was very slightly asymmetric in opposite directions, however the in-focus image of Spica was textbook perfect so I decided not to adjust the primary mirror. Toward the edge of the field the off-axis aberrations of the Maksutov-Gregory design were apparent but not obstructive at least in the deep-sky observing.

I tested the instrument on a number of high resolution targets, namely

  • the small white ovals in the Jovian SSTB
  • the condensations in the NTB
  • the region surrounding the GRS and the BA oval
  • the faint and elusive shadows at the surface of Mercury
  • the tiny craterlets around Birt and Rima Birt (Moon)
  • the rilles on the floor of Gassendi

 and what I can say is that this Maks is surely capable to satisfy the most demanding high resolution enthusiasts. The sharpness and the contrast of the images was superb, almost to the same level of a very good apochromatic refractor (“very good” because not all the commercial apos are suitable for high resolution work).

I did not notice severe problems of thermal stabilization, however I would suggest to keep the OTA permanently outside and protected from the Sun’s heat.

 CONCLUSIONS

I found this Maksutov to be a very fine scope for observing lunar and planetary details, double stars and also for the deep sky, although not so much as a dedicated scope, and it is definitely more interesting and performing than a cumbersome “planetary” newtonian. Compared to an excellent apochromatic refractor of 13 to 15 cm this Mak has the advantage of a higher resolution – useful for double stars and lunar details, and a much lower cost, but of course it can’t compete with the apo in deep sky observing and photography.

How does it compare with common SCs of 8 or 9 inch diameter ? Well, this is a matter of quality as SCs can be very different from each other in this respect. Generally speaking, a well-made and precisely collimated SC can be a fine planetary scope that thanks to its better off axis correction surely outperforms the Mak in deep sky observing and photography, particularly if one considers the availability of field correctors and reducers for this optical scheme. However being designed and produced as general purpose scopes SCs rarely fulfil the expectation of the high resolution aficionado who wants maximum contrast, sharpness and optical quality. I have seen and tested many SCs but only few of them were able to work at their best in this field. Comparisons between Maks and SCs are therefore difficult to generalize and should always be considered with caution.

The user of the Skywatcher Mak 180 can find it useful a good reducer for the eyepiece holder from 2 inch to 1.25 inch with clamping ring, and also a star diagonal of the finest quality. Although diagonals are often stated to ruin planetary images I found that today this concern is no longer justified. Many good diffraction-limited diagonals are now available from the market, as the Baader Planetarium prism that I am currently using even for my high resolution work.

Thanks to its focal length of almost 3 metres one single zoom eyepiece (of the highest quality of course) is sufficient to fully exploit the capabilities of this Mak. Any common eyepiece, however, can work very well with this instrument, but the user should be careful not to waste the quality of the scope by using of mediocre oculars. For lunar views a good wide field eyepiece is recommended as for example the Baader Hyperion 8 mm, while for white light observations of the Sun the 28 mm eyepiece that comes with the OTA and a full aperture Astrosolar filter in front of the meniscus are fine. A good binoviewer, a 2x Barlow, some photographic adapters and contrast filters can complete the accessory park.

 

bandiera-italiana

PREMESSA

I Maksutov-Gregory o Maksutov-Cassegrain godono ormai da anni di una meritata reputazione come strumenti in grado di rivaleggiare coi rifrattori apocromatici nell’osservazione della Luna, dei pianeti e delle stelle doppie. Il principale vantaggio di questa configurazione consiste nel possedere superfici ottiche sferiche che è facile lavorare fino ai livelli di accuratezza molto elevati necessari nell’astronomia ad alta risoluzione. Nella configurazione classica, costituita da un secondario ricavato alluminando la parte centrale del menisco, è anche possibile contenere l’ostruzione a valori inferiori al 30%, talvolta anche meno del 25%, con un conseguente guadagno di contrasto rispetto ai catadiottrici di tipo Schimdt-Cassegrain. Le prestazioni fuori asse non saranno entusiasmanti, naturalmente, ma non è a queste che i Mak devono la loro fama.
I cinesi producono da qualche anno un Maksutov da 180 mm di diametro f/15, che troviamo sotto il marchio Skywatcher nella serie Black Diamond, venduto a un prezzo estremamente interessante non solo in relazione agli apocromatici ma anche agli S-C. Questo strumento, nella versione OTA, è quello che descriverò nel seguito.

Un’avvertenza: tutte le volte che scriverò “Maksutov” o semplicemente “Mak”, intenderò specificamente il Maksutov-Gregory o Cassegrain classico. Eventuali riferimenti a versioni modificate di questo schema saranno evidenti di volta in volta.

 

INTUBAZIONE

Il tubo, di colore nero e bianco, è lungo complessivamente 50 cm (escluso il portaoculari) e pesa poco meno di 8 kg: una montatura tipo Vixen GP o similare cinese è dunque sufficiente a gestirlo utilizzando una contrappesatura adeguata per poter bilanciare anche gli accessori. In questa configurazione (con diagonale da 2 pollici e oculare in dotazione) a 96x il tempo di smorzamento delle vibrazioni è risultato essere inferiore a 2 secondi.
Per agganciare il tubo alla montatura è presente una barra a coda di rondine che è fissata tramite due viti a brugola strette da controdadi posti internamente al tubo stesso. Ciò comporta la necessità di accedere all’interno del tubo, smontando la cella del primario o quella del menisco, nel caso si volesse sostituire la barra originaria. Non esistono maniglie per il trasporto e quindi il tubo non è agevole da maneggiare, né esiste la possibilità di montare sistemi di contrappesi per bilanciare meglio lo strumento quando si usano accessori pesanti. A voler fare i pignoli ci sarebbe da storcere il naso anche di fronte alle viti a vista che sporgono all’interno dello strumento, sia quelle che trattengono le celle sia quelle della barra a coda di rondine, anche se non interferiscono con il fascio ottico.

Il menisco è trattenuto da una ghiera filettata e non è collimabile, il che può essere un vantaggio o uno svantaggio secondo la condizione in cui lo strumento si trova al momento dell’acquisto (della collimazione si dirà più avanti). L’apertura frontale è di 180 mm e poiché il paraluce del secondario ha un diametro massimo di 58 mm, l’ostruzione – nell’ipotesi che lo specchio primario sia correttamente dimensionato – risulta del 32%, un valore inferiore a quello tipico dei catadiottrici o dei Cassegrain commerciali ma non di molto.

Il menisco frontale.

Il menisco frontale.

Sia l’interno del tubo che il paraluce del primario sono opacizzati efficacemente, pur se non ai livelli degli strumenti artigianali o semiartigianali, manca cioé un sistema di diaframmi per abbattere le riflessioni parassite.
La fuocheggiatura avviene tramite spostamento dello specchio primario, il che può determinare, come in tutti i catadiottrici industriali di questo tipo, un po’ di deriva d’immagine. L’esemplare di Mak a cui mi riferisco in questo articolo ha mostrato una deriva molto contenuta, attorno a 5 secondi d’arco, ma un altro che ho avuto occasione di esaminare approfonditamente mostrava invece una deriva di circa 40″, ancora tollerabile nelle osservazioni ad alto ingrandimento ma un po’ fastidiosa in uno strumento di questa categoria destinato a operare praticamente sempre a ingrandimenti elevati.

mak5mak6

In definitiva un’intubazione certamente migliorabile ma in linea con gli standard di produzione cinesi e comunque sufficiente a sfruttare adeguatamente l’ottica.

DOTAZIONE

Nella dotazione standard c’è un oculare da 2 pollici di 28 mm di focale ad alta estrazione pupillare, che non vignetta (ma possono farlo oculari di focale superiore) ed è di qualità dignitosa, quindi non occorre sostituirlo. Vengono inoltre forniti un ottimo cercatore 9×50, un portaoculari da 2″ molto spartano dotato di due viti di fissaggio massacra-accessori, e un diagonale a specchio di qualità ordinaria, anche questo dotato di viti per il serraggio degli accessori e di riduttore da 31.8 mm. Il portaoculari è avvitato sulla culatta del tubo tramite un filetto non standard sul quale non è possibile montare portaoculari o raccordi fotovisuali di altre marche. Da contatti avuti recentemente con due noti rivenditori tedeschi di materiale astronomico, ho saputo che è in corso di realizzazione un numero limitato di raccordi dedicati a questo Mak che permetteranno di passare dal filetto originario ai vari sistemi di raccorderia di uso comune. Il diagonale, invece, lo si può sostituire subito con qualcosa di meglio.

La filettatura di inserimento del portaoculari. Si vedono inoltre le tre coppie di viti per la collimazione.

La filettatura di inserimento del portaoculari. Si vedono inoltre le tre coppie di viti per la collimazione.

Non c’è un manuale di istruzioni, anche se dal sito web della Skywatcher è possibile scaricare un buon vademecum per tutti i telescopi dotati di EQ-5 e che contiene informazioni del tutto generali sull’uso del telescopio e delle montature equatoriali, utili soprattutto al principiante. Lo strumento è accompagnato solo da un foglio A4 (anche questo scaricabile dal sito) con le istruzioni per il montaggio del tubo sulla montatura, la fuocheggiatura e l’installazione del red-dot finder, che comunque non è fornito.

 

COLLIMAZIONE

Il tubo è provvisto di viti di collimazione per lo specchio primario, ma nessuna istruzione viene fornita al riguardo. La procedura di allineamento è comunque abbastanza semplice e consiste nel regolare il primario agendo sulle viti a brugola grandi, mentre quelle piccole vanno strette per fissare la posizione raggiunta dallo specchio, almeno nei due esemplari che ho provato. Occorre dunque allentare per prima cosa le tre brugole piccole, collimare con le grandi – avendo cura di effettuare sempre piccolissime rotazioni non superiori a un 1/8 di giro per volta – e stringere nuovamente (ma non troppo) le piccole. Il tutto è facile e veloce, ed è inutile perdere tempo seguendo “istruzioni” più complicate del necessario.
A differenza dei Newton, la cui regolazione ottica si fa dapprima alla luce del giorno in base alle riflessioni del primario e del secondario e passando eventualmente alla regolazione fine tramite lo star testing, la collimazione di questo Maksutov deve essere condotta direttamente sul cielo osservando fuori fuoco una stella ben alta, tipo la Polare che non occorre nemmeno inseguire. La semplice centratura dei riflessi  – osservando frontalmente da una certa distanza o guardando direttamente nel fuocheggiatore con un oculare Cheshire – non è infatti sufficientemente sensibile. Si tenga presente che poiché i Mak sono corretti solo in asse, dopo aver ruotato le viti di collimazione è necessario riportare sempre la stella al centro del campo per verificare l’esito dell’operazione.

Ovviamente la possibilità di collimare lo specchio primario è utile soltanto se è il primario ad essere disassato, magari in seguito a qualche sballottamento subito durante il trasporto dalla fabbrica all’importatore o al rivenditore finale. Ma nei Maksutov classici anche il menisco può essere un elemento critico da questo punto di vista, il quale deve perciò essere precollimato in fabbrica. Se l’asse ottico del menisco (e quindi del secondario) non coincidesse con l’asse del tubo, potrebbe non essere possibile raggiungere una collimazione soddisfacente, secondo l’entità dello scostamento. Uno dei vantaggi di alcuni Maksutov russi rispetto allo Skywatcher è proprio quello di avere un secondario separato dal menisco e perciò regolabile senza troppi problemi, anche se questa soluzione comporta un’ostruzione centrale maggiore.
Occorre comunque tenere presente che nei Maksutov commerciali prodotti in grande serie potrebbe capitare di dover tollerare una piccola inclinazione del menisco che non necessariamente porta a un degradamento apprezzabile delle prestazioni dello strumento. Se osservando l’immagine a fuoco di una stella, ad un ingrandimento attorno a 250x, il disco di Airy appare perfettamente rotondo e gli anelli non tendono a illuminarsi a ventaglio da una parte, possiamo senz’altro lasciare lo strumento così com’è, indipendentemente da come si presentano le immagini intra ed extrafocali. Se invece la centrica a fuoco è visibilmente asimmetrica, occorre agire sulle viti del primario per rimediare. Se così facendo il problema non rientra è necessario rimandare lo strumento all’importatore per le verifiche del caso.

 

PROVA SUL CIELO

La prima cosa che mi ha colpito osservando in questo Mak è stata la luminosità delle immagini e la saturazione dei colori, che contrastavano notevolmente con i miei ricordi dei vecchi Mak russi, con le loro immagini scure a dominante giallina. Lo star testing ha evidenzato una leggera aberrazione sferica di ordine superiore, caratteristica intrinseca di questo progetto, ma per il resto un’ottica ben lavorata e soprattutto ben lucidata. Una leggera scollimazione del tubo ottico cui si riferiscono le figure in questa pagina è stata facilmente corretta agendo sulle viti del primario, ma il primo esemplare che ho esaminato mostrava invece una marcata asimmetria tra le immagini di diffrazione intrafocali e quelle extrafocali. Osservando a fuoco le centriche apparivano  comunque da manuale, con un disco di Airy perfettamente definito circondato da un anellino molto regolare, e lo strumento è risultato ugualmente utilizzabile, ma l’anomalia riscontrata era comunque sintomo di un problema di non perfetto assemblaggio delle ottiche.  In entrambi gli esemplari al bordo del campo visivo si evidenziavano i limiti della configurazione ottica, limiti che sono fisiologici e non vanno perciò considerati come difetti.

mak5

 

mak6

Mi sembra inutile ripetere anche qui gli aggettivi superlativi che accompagnano da sempre, sul web e sulle riviste, i resoconti delle prove di strumenti molto performanti. Mi limito solo a riferire che sia nelle osservazioni di dettagli lunari relativamente contrastati sia nell’osservazione di dettagli planetari piuttosto elusivi (vedi sotto) questo strumento è apparso in grado di soddisfare pienamente le aspettative dei visualisti dell’hi-res, naturalmente nei limiti imposti dai suoi 18 cm di diametro. I targets che ho utilizzato per verificare la resa ottica, applicabili peraltro a qualunque altro strumento, sono stati:

1.i piccoli ovali chiari nella SSTB di Giove
2.le condensazioni nella NTB
3.la regione circostante la GRS e l’ovale BA
4.le ombreggiature alla superficie di Mercurio
5.i piccoli craterini attorno a Birt e alla Rima Birt
6.i solchi sul fondo di Gassendi e di Petavius

L’incisione delle immagini, e la resa cromatica in particolare, sono risultati davvero notevoli, quasi al livello di un rifrattore apocromatico.

A differenza dei Maksutov di altre marche, soprattutto russi, in questo non ho riscontrato problemi di adattamento termico, nel senso che le piume di calore che si sviluppavano appena esposto il tubo all’ambiente esterno tendevano a risolversi nel giro di qualche decina di minuti. Sarebbe comunque consigliabile tenere lo strumento sempre all’esterno e al riparo dalla luce del Sole per evitare di perdere tempo a causa dei transitori termici.

 

CONCLUSIONI

Per il genere di osservazioni specificate più sopra questo Mak costituisce una valida alternativa ai rifrattori apocromatici e anche agli ingombranti Newton “planetari” da 20 cm. Rispetto agli apo più diffusi, col Mak abbiamo il vantaggio di una risoluzione superiore che ha la sua importanza quando si osservano dettagli lunari molto fini, nell’imaging planetario coi CCD o nella risoluzione di stelle doppie strette. Dove il Mak non può competere coi rifrattori è ovviamente nell’osservazione e nella fotografia del cielo profondo, a causa sia della lunga focale che delle aberrazioni extrassiali.

Rispetto agli Schmidt-Cassegrain da 8 o 9 pollici, invece, il discorso è più delicato perchè influenzato dalla qualità di questi ultimi, che è piuttosto variabile. Se si prescinde dall’ostruzione centrale, generalmente maggiore rispetto a quella dei Mak, un S-C ben costruito (e collimato!) è anche un ottimo strumento planetario in grado di dare molte soddisfazioni e che grazie a un rapporto focale più gestibile e a un’ottica meglio corretta anche lontano dall’asse ottico può fornire prestazioni interessanti anche sul cielo profondo. Questa configurazione ottica, però, proprio perché nasce come “tuttofare” non sempre espleta al meglio le proprie possibilità in alta risoluzione, a differenza dei Mak (non tutti, ma certamente lo Skywatcher) che invece nascono apposta per questo campo di applicazione. Pur avendo avuto la possibilità di fare parecchi confronti side-to-side tra i Mak e gli S-C in hi-res, ritengo però che questi confronti siano difficilmente generalizzabili per i motivi anzidetti, e preferisco pertanto non considerarli. Chi ha interesse anche per le osservazioni del cielo profondo può ovviamente trarre maggiori soddisfazioni da un S-C di ottima qualità piuttosto che da un Maksutov come quello esaminato.

Ai potenziali acquirenti consiglio di dotarsi (almeno finché non sarà possibile sostituire il portaoculari originario) di un buon riduttore a 31.8 mm con serraggio ad anello per l’osservazione diretta, e di un ottimo diagonale (non è necessario un 2 pollici) per quando occorre puntare oggetti molto alti nel cielo. Di solito si tende a sconsigliare l’uso dei diagonali in alta risoluzione ma oggi sono disponibili deviatori davvero molto performanti, come il prisma Baader Planetarium che uso spesso con ottimi risultati.
Per quanto riguarda gli oculari, grazie alla focale di quasi tre metri è sufficiente un solo oculare zoom di ottima fattura per sfruttare completamente le possibilità di questo strumento in alta risoluzione. Per l’osservazione di panorami lunari ad alto ingrandimento sarà utile un oculare di 8 mm di focale e di 60 o 70 gradi di campo apparente, possibilmente ad alta estrazione pupillare, mentre per l’osservazione del Sole (con filtro a piena apertura da anteporre al menisco e di provata qualità ottica) va benissimo l’oculare in dotazione. Sempre per l’osservazione di Luna e Sole, una torretta binoculare potrebbe costituire una notevole aggiunta al parco accessori. Un telextender fotovisuale, infine, sarà utile a chi vuole dedicarsi all’imaging lunare e planetario.

Disclaimer. Questa recensione è stata pubblicata il 10 Settembre del 2010 . Si specifica che le impressioni d’uso sono totalmente personali e date dai tester di Astrotest in completa libertà, senza vincolo e rapporto commerciale alcuno e sulla base di esperienza comprovata nell’utilizzo di tali strumenti ottici. Astrotest non vende telescopi. Per tale motivo, per eventuali informazioni, aggiornamenti e/o variazioni sui prezzi, si prega di contattare direttamente il  distributore ufficiale ,Auriga Srl.

I commenti sono disattivati