Takahashi Sky-90 e Extender-Q

di Raffaello Braga

PREMESSA

Ci sono strumenti astronomici che nascono con dei peccati originali che nemmeno il tempo riesce a far dimenticare e che ne condizionano pesantemente la fortuna commerciale, anche nelle versioni successive rivedute e corrette. E non si tratta sempre e soltanto di telescopi economici ma talvolta anche di strumenti di un certo pregio e quindi costo.
Anni fa, in ossequio alla moda degli apocromatici tascabili, Takahashi sfornò un piccolo gioiellino, lo Sky-90, un rifrattore con elemento frontale alla fluorite minerale e con una focale di soli 500 mm. L’intento della Casa giapponese era quello di commercializzare un prodotto trasportabilissimo per osservazioni generiche e per astrofotografia a grande campo, in quest’ultimo caso utilizzando l’apposito correttore. Lo strumento ebbe una discreta fortuna nonostante il prezzo esorbitante e un difetto di progettazione che ne condizionò l’accoglienza da parte del pubblico. 

Cercando un piccolo apocromatico compattissimo da portare in giro e soprattutto da usare col Daystar Quark per l’osservazione del Sole, mi sono imbattuto in un esemplare usato di Sky-90 in condizioni eccellenti e mi sono affrettato ad acquistarlo. Nel seguito le mie impressioni d’uso si riferiscono specificamente a questo esemplare che ha numero di serie 12028 e che stando a quanto riferitomi dall’importatore Takahashi (Skypoint srl) è stato l’ultimo, o uno degli ultimi, venduti in Italia.

imm1a

OBIETTIVO

L’obiettivo è un doppietto molto spaziato con elemento frontale al fluoruro di calcio e flint posteriore. Le lenti sono trattenute in una cella che il costruttore ha dovuto riprogettare, a qualche anno dalla comparsa del rifrattore sul mercato, a causa della scarsa tenuta della collimazione e dell’insorgere di tensioni col freddo. Nella versione beta in mio possesso, detta anche Sky-90 II, la posizione della lente frontale è regolata da sei viti disposte lungo il perimetro della cella, mentre per il flint ve ne sono tre. In caso di collimazione conviene agire sulla lente frontale usando le tre viti singole (non quelle che fanno coppia) mentre è meglio lasciar stare le viti del flint perché è molto sensibile al serraggio e genera facilmente delle centriche deformate. La collimazione si fa rimuovendo delicatamente, con un ago un po’ grosso o un punteruolo, il sigillante di fabbrica sulla testa dei grani e agendo con una brugola da 1.5 mm. E’ consigliabile fare l’operazione in casa su una stella artificiale, avendo cura di effettuare spostamenti piccolissimi delle viti verificandone contemporaneamente l’effetto sulle immagini di diffrazione osservate a 120 – 150x o sulla posizione reciproca dei riflessi.

Schema dell'obiettivo e diagramma di correzione cromatica: la spaziatura tra le linee corrispondenti ai diversi colori denota una correzione eccellente per un obiettivo a f/5.5.

Schema dell’obiettivo e diagramma di correzione cromatica: la spaziatura tra le linee corrispondenti ai diversi colori vs il raggio dell’obiettivo  denota una correzione eccellente per un doppietto a f/5.5.

Questa figura mostra quale sarebbe stata la correzione cromatica se l'obiettivo avesse avuto una spaziatura ordinaria.

Questa figura (a destra) mostra quale sarebbe stata la correzione cromatica se le due lenti dell’obiettivo avessero avuto una configurazione ordinaria.

Lo Sky-90 tiene abbastanza bene la collimazione e se ben protetto dagli urti (avvolgendolo ad esempio nelle bollicine) rimane collimato anche dopo i viaggi, ma facendone un uso molto intensivo o se lo si trasporta con frequenza potrebbe richiedere qualche ritocco ogni tanto, ciò che va a intaccare un poco proprio quello che doveva essere uno dei suoi pregi maggiori, appunto la trasportabilità. Il mio esemplare non ha passato indenne il trasporto tramite corriere dal venditore a casa mia nonostante l’ottimo imballaggio originale, e la prima operazione che ho dovuto compiere è stata appunto la collimazione. 

Ho letto sul web che le lenti andrebbero soggette a tensione con le basse temperature ma a me non è mai capitato.

TUBO OTTICO

Il tubo è lungo solo 37.5 cm (col paraluce retratto) e pesa, comprensivo di culla e barra standard, 4 kg. Le finiture sono le solite, bellissime, di Takahashi e non c’è dubbio che una parte dell’attrattiva esercitata dagli strumenti della Casa giapponese derivi da un design esteticamente molto accattivante.

Il fuocheggiatore, ahimé, è solo un R&P, certamente ben fatto ma privo di demoltiplica, una caratteristica questa che ormai troviamo anche sul più scasso degli apocromatici cinesi. Gli astrofotografi che usano lo Sky-90 oltre ad acquistare il correttore ottico hanno dovuto anche sostituire il fuocheggiatore originale con qualcosa di più funzionale, ciò che contribuisce a far salire ulteriormente il costo finale del rifrattore.

Per installare sul tubo i cercatori originali occorre un apposito adattatore che da solo costa quanto un cercatore da 50 mm cinese. Si può risparmire usando una basetta Baader con la spaziatura tra i fori corrispondente a quella ricavata sul tubo.

Per installare sul tubo i cercatori originali Takahashi in modo tale da poterli rimuovere rapidamente occorre un apposito adattatore a sgancio rapido che da solo costa più di un cercatore da 50 mm cinese completo di supporto. Si può risparmiare usando una basetta Baader con la spaziatura tra i fori corrispondente a quella ricavata sul tubo.

Il tubo aveva la sua culla originale alla quale ho attaccato una slitta che Skypoint realizza in piccola quantità proprio per questo tipo di culle. Usando anelli standard tipo Vixen o GSO e una slitta più essenziale si risparmierebbe un po’ di peso ma si sacrificherebbe l’estetica, che negli strumenti Takahashi ha la sua importanza.

PRESTAZIONI

L’obiettivo presenta fondamentalmente tre aberrazioni residue:

  • cromatica
  • coma
  • curvatura di campo

La cromatica è molto ben corretta considerando che parliamo di un doppietto a f/5.6. Andandola a cercare col lanternino salta fuori, naturalmente, ma per l’uso visuale passa tranquillamente inosservata nella maggior parte dei casi. Con qualche prisma, come già evidenziato da Bill Paolini in questo articolo, un po’ colore si nota, non tanto al centro del campo quanto lateralmente, è ciò che accade ad esempio col prisma Cool Ceramic Baader, ma la “colpa”, se così si può dire, non è dell’obiettivo.

La coma è invece più seria, in posizione extrassiale la si nota anche a ingrandimento elevato. Da questo punto di vista forse si poteva fare di più, ma è probabile che il progettista abbia voluto privilegiare la correzione cromatica dando per scontato l’uso del correttore in fotografia. Certo che col correttore il costo dello strumento, già alto, diventa improponibile rispetto alle alternative di mercato: gli accessori dello Sky-90, tuttora presenti nel catalogo Takahashi, sono infatti piuttosto costosi.

Le considerazioni fatte per la coma valgono anche per la curvatura, che fortunatamente si nota solo nelle osservazioni a grande campo.

Detto ciò e una volta collimato a dovere, lo Sky-90 fornisce immagini a fuoco praticamente perfette, prive di luce diffusa e molto incise, al top per questo genere di realizzazioni. Lo strumento regge ingrandimenti molto alti in relazione al diametro, ad esempio 200x nell’osservazione di Giove o 300x in quella della Luna, ma naturalmente anche con un obiettivo ben realizzato come questo è inutile scendere a pupille d’uscita inferiori a 0.5 mm. Con oculari a grande campo le immagini si degradano verso il bordo, ma non a un livello tale da togliere piacere all’osservazione di campi stellari molto ampi, purché si abbia l’avvertenza di usare oculari a loro volta ben corretti da una lente di Smith. E’ un compromesso che bisogna accettare se non si vuole usare il correttore di coma dedicato.

Ottime le prestazioni dello Sky-90 in Halfa, una lunghezza d’onda alla quale i rifrattori acromatici, contrariamente al popular belief, non sono più diffraction-limited: con il Daystar Quark il Sole risulta infatti nitidissimo e i dettagli delle protuberanze davvero entusiasmanti.

imm1

EXTENDER-Q

Non essendo interessato alla fotografia del cielo l’unico accessorio che ho provato è l’Extender-Q 1.6x, progettato per i rifrattori FSQ-106 e Sky-90 e che allunga la focale nativa di un fattore 1.6 purché venga rispettata la distanza corretta tra il gruppo ottico e l’oculare; nel caso dello Sky-90 la focale diventa 800 mm, ciò che rende il rifrattore più versatile nell’uso in alta risoluzione.

L’extender è un sistema che impiega cinque lenti in tre gruppi, tutti multitrattati, per estendere la correzione cromatica e geometrica dell’obiettivo. Si può installare su qualunque rifrattore una volta dotato degli appositi adattatori ai portaoculari da 2 pollici, ma non ho provato a usarlo con strumenti diversi dal Takahashi.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il gruppo ottico dell’Extender-Q è contenuto in un barilotto che da un lato reca una filettatura per poterlo inserire nella raccorderia Takahashi prevista per questo accessorio.

Uno dei pregi dell’extender è quello di avere un barilotto filettato per il collegamento a tutti i raccordi Takahashi che fanno parte del sistema, a loro volta filettati. A differenza della raccorderia ordinaria con serraggio a vite, ciò garantisce la perfetta assialità del gruppo ottico e di quelli a valle (deviatori, oculari) che è fondamentale per evitare l’insorgere della coma in un obiettivo così aperto. Ma anche laddove si usino i serraggi a vite, nella raccorderia Takahashi questi sono così ben realizzati da risultare comunque preferibili alla stragrande maggioranza dei serraggi ad anello, con l’eccezione dei sistemi click-lock Baader Planetarium.

L’extender riduce ulteriormente l’aberrazione cromatica, ha un effetto migliorativo anche sulla coma e sulla curvatura e soprattutto non ha effetti deleteri sulla nitidezza. Anzi, per quanto ho potuto vedere le immagini di stelle doppie e multiple risultano con l’extender un po’ più secche e incise, simili a quanto si osserva nel Takahashi FS-102 (il quale, a sua volta, può beneficiare dei servigi di questo accessorio).

Venere, banco di prova severissimo per qualunque rifrattore, appare con l’extender assolutamente bianco, senza alcuna traccia di colori spuri. Il bordo della Luna mostra più facilmente l’effetto dell’extender sulla correzione del cromatismo: senza extender in intrafocale si osserva stabilmente un orlo rosso, in extrafocale verde; con l’extender in intrafocale il rosso si osserva solo quando il seeing fa sfarfallare il bordo, altrimenti è assente, mentre in extrafocale il colore risulta notevolmente attenuato.

Altra caratteristica apprezzabile dell’extender è quella di non vignettare nemmeno con oculari da 40 mm di focale, sia da 31.8 mm che da 2 pollici. Inoltre funziona assai bene anche con oculari molto semplici come i Kellner.

E’ possibile usare l’extender in varie configurazioni come illustrato nelle immagini che seguono.

L'extender configurato per osservazione diretta con oculari da 31.8 mm

L’extender configurato per osservazione diretta con oculari da 31.8 mm

Osservazione diretta con oculari da 2 pollici. Tutti i raccordi sono filettati tra loro per evitare inclinazioni.

Osservazione diretta con oculari da 2 pollici.

Osservazione con diagonale da 31.8 mm. Si possono usare ovviamente i diagonali ordinari usando il portaoculari, ma nel mio caso preferisco agganciare direttamente il diagonale Baader sfruttando il filetto T2.

L’Extender con diagonale da 31.8 mm. Si possono usare ovviamente i diagonali ordinari usando il portaoculari, ma nel mio caso preferisco agganciare direttamente il diagonale Baader sfruttando il filetto T2.

L'Extender con diagonale da 2 pollici, in questo caso un prisma Tecnosky per osservazioni terrestri.

L’Extender con diagonale da 2 pollici, in questo caso un prisma Tecnosky per osservazioni terrestri.

L'ampia system chart dell'Extender-Q.

L’ampia system chart dell’Extender-Q. Tutti i raccordi sono presenti nel catalogo Takahashi.

 

CONCLUSIONI

Il mio giudizio sul Takahashi Sky-90 questo strumento non può che essere positivo: quanti doppietti più aperti di f/6 possono vantare la correzione cromatica dello Sky-90 ? non a caso gli apocromatici ultracorti sono tutti dei tripletti o persino dei quadrupletti. L’obiettivo dello Sky-90, essendo costituito di due sole lenti, va anche velocemente in temperatura, permette una collimazione rapida e offre un contrasto e un’incisione d’immagine davvero al massimo livello. Con l’Extender c’è anche la possibilità di avere uno strumento più universale e ulteriormente migliorato, adatto anche alle osservazioni ad alto ingrandimento. A questo proposito è bene aggiungere che in realtà qualunque Barlow ben corretta – solo le migliori lavorano bene con un cono di luce così aperto – permette tale flessibilità d’uso, ma il vantaggio dell’Extender è quello di essere “tarato” sulle caratteristiche di questo obiettivo.

Sull’altro piatto della bilancia ci sono innanzitutto la coma e la curvatura di campo, non aggirabili senza il correttore dedicato. C’è da dire che per l’uso puramente visuale se ne può fare a meno, ma in fotografia no.

C’è poi il costo: è innegabile che anche considerando la sua quotazione attuale sul mercato dell’usato (intorno ai 1500 euro) lo Sky-90 non sia per nulla concorrenziale con i tripletti apocromatici cinesi, che possono vantare un campo meglio corretto, una correzione cromatica comunque buonissima e un’intubazione più fruibile, con demoltiplica e fuocheggiatore ruotante. Lo Sky-90 è quindi soprattutto uno strumento per collezionisti e per gli aficionados della Casa nipponica.

 

I commenti sono disattivati